Furto alla Rinascente, pm chiede 8 mesi e 400 euro per Marco Carta

Il cantante è accusato di aver rubato sei magliette del valore complessivo di 1200 euro lo scorso 31 maggio.

Furto alla Rinascente, pm chiede 8 mesi e 400 euro per Marco Carta
Cronaca 31 Ottobre 2019 ore 10:00

Furto alla Rinascente, pm chiede 8 mesi e 400 euro per Marco Carta.

Furto alla Rinascente, pm chiede 8 mesi e 400 euro per Marco Carta

MILANO – La richiesta formulata dal pm di Milano Nicola Rossato parla di una condanna a 8 mesi di carcere e 400 euro di multa per il cantante Marco Carta, accusato di aver rubato sei magliette del valore complessivo di 1200 euro lo scorso 31 maggio.

Il furto alla Rinascente lo scorso 31 maggio

Il cantante, vincitore di Sanremo dieci anni fa, era stato arrestato per aver provato a portare via i capi di abbigliamento dalla Rinascente in piazza Duomo a Milano. Era accusato di furto aggravato in concorso, con la complicità di un’amica, Fabiana Muscas, 53 anni. Carta si era sempre dichiarato innocente, sostenendo di non essere stato lui a rubare le magliette, convinzione che ha ribadito anche Simone Ciro Giordano, difensore di Carta che ha parlato sempre di estraneità nei fatti.

LEGGI ANCHE

Marco Carta arrestato per furto aggravato di sei magliette

 Il giudice non convalida l’arresto di Marco Carta: Estraneo ai fatti

 Furto di magliette, Marco Carta sceglie il rito abbreviato

 Marco Carta e il furto alla Rinascente, spunta la testimonianza di un addetto alla sorveglianza

La testimonianza di un addetto alla sicurezza

Ma a minare la credibilità della versione del cantante, ci ha pensato la testimonianza di un addetto alla sicurezza della Rinascente che ha raccontato di aver visto i due con fare sospetto, “anomalo”, dirigersi verso i camerini e rimanerci per diverso tempo. Poi, sempre secondo la testimonianza, Carta sarebbe andato in bagno a gettare per terra le placche anti taccheggio delle maglie. Ma i due si sarebbero dimenticati della seconda placchetta antitaccheggio sui capi: quella che poi ha fatto azionare il dispositivo di allarme.

La richiesta del pm

Dopo il processo per direttissima il giudice Stefano Caramellino aveva deciso di non convalidare gli arresti domiciliari, ma il cantante è rimasto comunque indagato per furto aggravato in concorso. Ora, la richiesta di otto mesi e 400 euro di multa da parte del pm Nicola Rossato. La sentenza è prevista per le prossime ore.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste