Giornale dei Navigli > Cronaca > ‘ndrangheta, Agostino Catanzariti evade dagli arresti domiciliari
Cronaca Buccinasco -

‘ndrangheta, Agostino Catanzariti evade dagli arresti domiciliari

Condannato per associazione mafiosa, il braccio destro dei Papalia era uscito di casa: bloccato dai carabinieri.

Catanzariti evade arresti domiciliari

‘ndrangheta, Agostino Catanzariti evade dagli arresti domiciliari.

‘ndrangheta, Agostino Catanzariti evade dagli arresti domiciliari

BUCCINASCO – Era finito ai domiciliari Agostino Catanzariti, 72 anni, braccio destro e fedelissimo alla cosca dei Papalia. I carabinieri di Buccinasco, guidati dal luogotenente Vincenzo Vullo, lo avevano arrestato a metà marzo, eseguendo un ordine di carcerazione emesso il 2 marzo dalla Procura Generale. Catanzariti doveva scontare la pena residua di 4 anni e 21 giorni di reclusione, accusato di associazione mafiosa, estorsione, falsa testimonianza aggravata e spaccio. Recentissima, di fine giugno, la condanna definitiva a 13 anni e 8 mesi, dopo una vicenda giudiziaria iniziata con Platino nel 2014.

Ieri un altro capitolo nella vicenda

Catanzariti era in giro, per strada, senza autorizzazione. Evaso dai domiciliari. Sono stati i carabinieri della Compagnia di Corsico a sorprenderlo all’esterno della propria abitazione. Senza fornire alcuna giustificazione, era uscito di casa per farsi un giro. Il processo per direttissima si è svolto questa mattina per Catanzariti, cognome noto sul territorio e affiliato alla locale di ‘ndrangheta dei Barbaro e Papalia. È stato convalidato l’arresto e il 72enne è tornato ai domiciliari.

FG

LEGGI ANCHE:

 ‘ndrangheta, condanne definitive per i Catanzariti e Scarcella

 ‘ndrangheta, arrestato Agostino Catanzariti, braccio destro dei Papalia

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente