Cronaca

Caso Ikea, chiesta l'archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi

Secondo la Procura non si possono configurare reati penali come la truffa o il furto.

Caso Ikea, chiesta l'archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi
Cronaca Corsico, 07 Febbraio 2020 ore 11:03

Caso Ikea, chiesta l'archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi.

Caso Ikea, chiesta l'archiviazione per i dipendenti che cambiavano le etichette dei prezzi

CORSICO – Circa quaranta dipendenti erano stati accusati da Ikea di “gravi comportamenti volti a danneggiare le risorse aziendali”.

Il “caso Ikea”

Era scoppiato un caso, il “caso Ikea”: i lavoratori denunciati dal colosso svedese, secondo l’accusa, applicavano etichette con prezzi ribassati a prodotti che in realtà costavano di più, presi dall’angolo delle occasioni, lo spazio del negozio che mette in vendita merce fallata o da smaltire. Erano scattati dieci licenziamenti, poi la sospensione dello stipendio per altri ma i lavoratori, per voce dei sindacati, si difendevano dalle accuse, sostenendo che le procedure erano consentite.

La Procura ha chiesto l'archiviazione per tutti i dipendenti

Ora, la Procura ha chiesto di archiviare le posizioni di tutti i coinvolti, anche se le parti potranno fare opposizione. “Qualcuno voleva far credere che dentro Ikea c’erano criminali. Non è così, non lo è mai stato”, commentano dalla Filcams Cgil con poche parole, anche perché la vicenda non è ancora conclusa.

LEGGI ANCHE:

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Caso Ikea Corsico, cambiavano le etichette dei prezzi : licenziati 10 dipendenti

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Caso etichette scambiate Ikea di Corsico, rispondono i sindacati

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Caso Ikea | Filcams: Lavoratori allontanati senza la possibilità di spiegarsi

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Sciopero lavoratori Ikea: Il cambio delle etichette? Una disposizione dell'azienda FOTO

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] 30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi

Non si tratta di furto o di truffa

Secondo il pm, i dipendenti avrebbero commesso un’azione senza chiedere il permesso ai supervisori o ai responsabili, quindi contro il regolamento aziendale, ma non si possono configurare reati penali come la truffa o il furto, in quanto i lavoratori “infedeli” non rubavano gli oggetti, ma li pagavano meno, quindi, sempre secondo il pm che ha chiesto l’archiviazione, senza che ci fosse qualcosa di illegale.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Seguici sui nostri canali