Cronaca
l'analisi

Casi in discesa in Lombardia, anche negli ospedali: il confronto settimanale

In calo i nuovi casi giornalieri e l'occupazione dei reparti ordinari. Crescita zero anche per le terapie intensive.

Casi in discesa in Lombardia, anche negli ospedali: il confronto settimanale
Cronaca Naviglio grande, 24 Gennaio 2022 ore 12:35

Casi in discesa in Lombardia, anche negli ospedali: il confronto settimanale

Casi in discesa in Lombardia, anche negli ospedali: il confronto settimanale

MILANO - Allontanato ormai (quasi) definitivamente il rischio di passare in zona arancione, è comunque tempo per fare un bilancio sull'ultima settimana appena trascorsa. Potremmo riassumere il tutto con un laconico "bene ma non benissimo". Gli indicatori più importanti (incidenza, ospedali e terapie intensive occupate) scendono tutti, ma forse non alla velocità sperata.

Il focus sui nuovi casi giornalieri

Sappiamo ormai quanto sia sempre meno importante questo parametro, quello dell'incidenza settimanale (qui la spiegazione di cosa sia) poichè, con l'avvento della variante Omicron (sempre più dominante nella nostra regione e, in genere, in tutta Italia), assistiamo ad un un numero molto elevato di casi che però, fortunatamente, non si traduce in numero di ospedalizzazioni nello stesso rapporto rispetto ad un anno fa. Il virus, al di là di quale variante sia, incontra oggi soggetti in larga parte vaccinati o guariti e quindi causa malattia severa solo in una ristretta fascia di popolazione. Certo, è ancora dura per i non vaccinati, specie se avanti con l'età e con altre patologie.

I casi giornalieri in Lombardia, comunque, sono in chiara decrescita ormai da una decina di giorni, anche se non c'è stato un vero e proprio crollo dei "numeri" come abbiamo visto, ad esempio, nel Regno Unito. Le ragioni sono diverse: da un lato, innanzitutto, siamo più indietro nella curva di Omicron. Siamo inoltre indietro anche nelle terze dosi rispetto a UK (Paese che, tra l'altro, lasciando circolare il virus senza le restrizioni applicate nella nostra Nazione, ha fatto sì che molta gente si ammalasse in questi mesi e realizzasse in seguito una sorta di "immunità di gregge").

Ad ogni modo si scende, frenati un po' anche dalle riaperture delle scuole che causano ancora molti nuovi casi nei più giovani (e non pochi disagi tra dad, quarantene lunghissime e genitori in difficoltà a "gestire" i bambini a casa), ma il dato è definito: la progressione della discesa lombarda è stabilmente riscontrabile nelle variazioni percentuali dei casi in sette giorni: -14,4% il giorno 20 gennaio, -19,8% il giorno 21 gennaio, -15,6% il 22 gennaio e -14,1% il 23 gennaio.

Le variazioni percentuali dei casi in sette giorni

A spiegare bene questo parametro all'interno del grafico - ve lo riproponiamo anche questa settimana per una migliore comprensione dei numeri sopraindicati - è lo stesso dott. Paolo Spada per Pillole di Ottimismo:

"La linea orizzontale corrisponde allo 0% di variazione e ad Rt uguale a 1: al di sotto di essa (area verde) si prevede rallentamento dell'epidemia, mentre al di sopra (area rossa) il contagio è previsto in aumento. Appare chiaramente che la curva della stima Rt è in ritardo di 13 giorni rispetto alle variazioni percentuali dell'incidenza (in viola), specialmente in occasione delle più repentine risalite del tasso di contagio, che le variazioni sono dunque in grado di rilevare in modo decisamente più tempestivo".

Insomma, il dato è sempre più cristallino: la Lombardia ha iniziato la discesa. E finalmente osserviamo una tendenza simile anche per gli altri due parametri, ormai decisamente più importanti: ricoveri ordinari e terapie intensive.

Ricoveri ordinari: ancora da zona arancione ma in calo

Sono ancora da zona arancione i parametri per quanto riguarda le ospedalizzazioni nei reparti ordinari (la soglia limite è fissata al 30%): In Lombardia, secondo l'ultimo bollettino, i reparti ordinari sono occupati al 32,5%. La buona notizia, però, è che assistiamo ad una calo del 5% nell'ultima settimana, rispetto alla settimana precedente (lo scorso 17 gennaio l'0ccupazione era salita al 34,9%).

Migliora anche la situazione nelle terapie intensive

Discorso analogo anche per i reparti più delicati, quelli di rianimazione. Qui, complice anche l'aumento di posti letto disponibili, non si è raggiunta la soglia per la zona arancione (fissata al 20%). Nell'ultimo bollettino le terapie intensive sono occupate nella nostra regione al 14,8% per malati Covid.

La buona notizia è che, dopo settimane di continua crescita, anche queste si sono stabilizzate: è infatti pari a +0% l'incremento settimanale rispetto alla precedente. Sembra dunque essere arrivati in cima al picco anche in questo dato. Una settimana fa, inutile sottolinearlo, l'occupazione era al 14,8%, ma ancora in crescita del 9%.

nb. Lo ricordiamo, buona parte della quota restante, sia in area medica che in terapia intensiva, NON è libera, ma impegnata per tutte le altre patologie. Inoltre va sottolineato che c'è una quota di pazienti ricoverati per operazioni, altre patologie, totalmente asintomatici dal punto di vista del contagio da SARS-CoV-2, ma che scoprono solo in tale circostanza di essere "anche" positivi.

Prendiamo ad ogni modo queste buon notizie e "portiamo a casa". Appuntamento alla settimana prossima, con la speranza di potervi raccontare un calo ancora più marcato sotto ogni fronte.

Andrea Demarchi