tutti minorenni

Calci, pugni e rapine ai coetanei: fermata baby gang

Dovranno rispondere delle accuse di rapina pluriaggravata con armi, lesioni personali aggravate e ricettazione i cinque ragazzi, tutti minorenni.

Calci, pugni e rapine ai coetanei: fermata baby gang
Cronaca Naviglio grande, 04 Marzo 2021 ore 11:42

Calci, pugni e rapine ai coetanei: fermata baby gang.

Calci, pugni e rapine ai coetanei: fermata baby gang

SOLARO – Dovranno rispondere delle accuse di rapina pluriaggravata con armi, lesioni personali aggravate e ricettazione i cinque ragazzi, tutti minorenni, arrestati dai carabinieri.

LEGGI ANCHE: 

Rissa in strada tra due ragazzi, in dieci assistono: tutti sanzionati

Rissa tra tre donne in strada: intervengono carabinieri e ambulanza

Rissa in centro a Milano: ragazzini ammassati, alcuni picchiano un coetaneo

Ressa (con rissa in Darsena) sui Navigli nell'ultimo sabato di zona gialla

Le indagini a seguito di una querela sporta da una vittima

I militari di Solaro, su diposizione della Procura presso il Tribunale per i minorenni di Milano, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale di collocamento in comunità nei confronti dei cinque ragazzini. Il provvedimento trae origine dalle indagini iniziate in seguito a una querela sporta al comando di Solaro a giugno dello scorso anno.

La baby gang accerchiava le vittime per poi pestarle

Una delle vittime della baby gang, infatti, ha avuto il coraggio di denunciare l’episodio di violenza, consentendo ai militari di iniziare gli accertamenti. Indagini che hanno portato a elementi di certa colpevolezza a carico dei minori e a ricostruire il modo di agire, sempre uguale, della banda che accerchiava le vittime, tutti giovani coetanei della baby gang, per poi pestarle con calci e pugni e derubarle.

Agivano anche nei comuni limitrofi

I giovani rapinatori hanno messo a segno diverse aggressioni per derubare le vittime, non solo a Solaro ma anche nei comuni limitrofi. I cinque giovanissimi sono ritenuti responsabili di diversi “colpi”, dal 2019 al 2020.