Cronaca
la ricostruzione del crimine

Tentato omicidio, era regolamento di conti legato allo spaccio: tre arresti

L'autore materiale è stato fermato a Margherita di Savoia, a casa dei nonni, mentre il complice e il mandante sono stati fermati in appartamenti del quartiere Baggio.

Cronaca Naviglio grande, 19 Novembre 2021 ore 14:20

Tentato omicidio, era regolamento di conti legato allo spaccio: tre arresti.

Tentato omicidio, era regolamento di conti legato allo spaccio: tre arresti

MILANO - Un ‘regolamento di conti’ legato allo spaccio di droga nella zona di via Creta. Per questo, lo scorso 29 agosto, un 26enne è stato ferito a colpi di pistola in via Creta.

I responsabili dell’agguato sono stati raggiunti oggi da un’ordinanza di custodia cautelare emessa emessa dal gip di Milano, a seguito di richiesta del Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Milano Monia Di Marco. A coordinare le indagini che hanno portato all’arresto dei tre, tutti italiani, accusati di tentato omicidio, il procuratore aggiunto Laura Pedio.

Tre arrestati per tentato omicidio: l'episodio

L'attività investigativa condotta dalla Sezione Omicidi della Squadra Mobile ha consentito di ricostruire la dinamica dell'omicidio e identificare gli autori: verso le 22.15 del 29 agosto, alcune volanti dell'Ufficio Prevenzione Generale sono intervenute in via Creta dopo che alcuni residenti avevano segnalato dei colpi d'arma da fuoco.

Dopo che la vittima e’ stata trasportata in ospedale, il sopralluogo della Polizia Scientifica ha consentito di recuperare sulla scena del crimine un bossolo calibro 9x21, dello stesso tipo di quello che aveva ferito l’uomo al fianco. Le indagini hanno permesso di ricostruire i movimenti che degli autori dell’agguato, attraverso testimonianze, immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona e intercettazione telefoniche.

Sotto sorveglianza in attesa di avere prove evidenti

Secondo quanto emerso, due dei tre autori quella notte hanno pernottato in un hotel a Milano e il giorno successivo, uno dei due, sospettato di essere l'autore materiale della sparatoria, si è spostato in Puglia, in provincia di Barletta. Gli agenti hanno quindi monitorato gli spostamenti dei presunti autori fino al momento dell’arresto arrivando a chiarire il movente legato a questioni realtive allo spaccio di sostanze stupefacenti in via Creta.

Complice e mandante fermati a Baggio

L'autore materiale è stato fermato a Margherita di Savoia, a casa dei nonni, mentre il complice e il mandante sono stati fermati in appartamenti del quartiere Baggio. I poliziotti della Squadra Mobile, con il supporto di unità cinofile e rinforzi del Reparto Prevenzione Crimine, stanno eseguendo numerose perquisizioni in alcune abitazioni di via Creta e in strade limitrofe, utilizzate per la gestione dello spaccio di droga.