Menu
Cerca

Supermercati saccheggiati, la colpa è (anche) di un messaggio audio su WhatsApp AUDIO

I procuratori di Milano hanno aperto un'inchiesta per diffusione di notizie false atte a turbare l'ordine pubblico.

Cronaca 27 Febbraio 2020 ore 15:41

Supermercati saccheggiati, la colpa è (anche) di un audio su WhatsApp.

Supermercati saccheggiati, la colpa è (anche) di un audio su WhatsApp

MILANO – L’ipotesi su cui si sta indagando, attraverso il fascicolo aperto dai procuratori aggiunti Tiziana Siciliano e Eugenio Fusco, è di diffusione di notizie false atte a turbare l’ordine pubblico. Si parla di un audio girato sulle chat di WhatsApp in cui una donna incoraggia tutti a fare scorte importanti di cibo, in quanto informata dalla moglie di un lavoratore di Regione Lombardia della certa quarantena che sarebbe stata applicata anche a Milano di lì a poco.

L’audio che ha alimentato il panico

L’audio, girato in fretta sugli smartphone di migliaia di persone, avrebbe così convinto i cittadini a prendere d’assalto i supermercati per seguire il consiglio. Secondo il procuratore Siciliano, “l’audio potrebbe essere stato messo in giro per pura idiozia o con dolo, ma l’autore verrà punito in ogni caso, come prevede la legge”. Un’azione definita “criminale”, perché inserita in un contesto di panico e allarme che ha già travolto l’Italia, in particolare la Lombardia dove è localizzato il primo focolaio di coronavirus e dove i contagiati sono più numerosi rispetto al resto della penisola.

Il testo dell’audio incriminato

L’audio recita: “Ciao famiglia, vi devo dire una cosa di cui sono stata informata un paio di ore fa. Una mia amica ha il marito che lavora in Regione e mi ha detto che stanno attivando la quarantena per i paesi intorno a Milano e che decidono in questi giorni anche per Milano. Fate la spesa, organizzatevi con scorte, chiudono tutto per almeno un mese. non riescono a gestire questa cosa, hanno perso il controllo. Già da domani chiudono tutta Garbagnate”.

Non è l’unico audio diffuso su WhatsApp che ha generato panico. Altri messaggi sono stati mandati da sedicenti professionisti che mettevano in allerta su “centinaia di casi positivi che ci nascondono”, incoraggiando a fare scorte di materiale come mascherine e gel igienizzante. Tutte fake news che hanno travolto le città e, secondo gli inquirenti, avrebbero persuaso migliaia di persone a saccheggiare i supermercati. Senza alcun motivo: per i negozi di alimentari non sono previste chiusure.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home