Giornale dei Navigli > Cronaca > Operaio morto nel cantiere Metro M4, proclamato sciopero di 24 ore
Cronaca Naviglio grande -

Operaio morto nel cantiere Metro M4, proclamato sciopero di 24 ore

La protesta è programmata sui tre turni di lavoro, fino alle 22 di oggi, 16 gennaio.

Operaio morto sciopero

Operaio morto nel cantiere Metro M4, proclamato sciopero di 24 ore.

Operaio morto nel cantiere Metro M4, proclamato sciopero di 24 ore

MILANO – Uno sciopero di 24 ore, in programma dalle 22 di ieri alle 22 di oggi, giovedì 16 gennaio, proclamato in seguito alla morte del caposquadra Raffaele Ielpo, schiacciato lunedì sera dai detriti dopo un crollo avvenuto in piazza Tirana, in uno dei cantieri della metropolitana in costruzione.

Assemblea permanente al campo base di Linate

Tutti i lavoratori dei cantieri della M4 si fermeranno per un giorno: la protesta è programmata sui tre turni di lavoro. Gli operai impegnati nella costruzione dell’opera si riuniranno in un’assemblea permanente al campo base della M4 in zona Linate. L’incontro sarà utile per pianificare una serie di richieste in tema sicurezza nei cantieri.

Proseguono le indagini sull’incidente

Intanto, le indagini proseguono per fare luce sul tragico incidente. Ielpo, operaio con lunga esperienza, si trovava a 18 metri di profondità quando è stato sepolto dalle macerie in seguito al crollo di un blocco di cemento. Troppo gravi le condizioni del 42enne, morto in ospedale poco dopo l’arrivo. La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo, a carico di ignoti. L’area è stata sequestrata.

LEGGI ANCHE:

 Operaio morto durante i lavori della metro, l’addio degli amici

 Incidente al cantiere della metro, è morto l’operaio sepolto a 18 metri di profondità

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente