Cronaca
l'analisi

Monitoraggio Covid Ats provincia Milano: i Comuni con incidenza da "vecchia" zona rossa

L'incidenza settimanale è solo uno dei tre parametri che incidono sulle zone a colori, ma il rapporto causa-effetto tra nuovi casi e ospedalizzazioni, seppur ridimensionato, non può essere sottovalutato.

Monitoraggio Covid Ats provincia Milano: i Comuni con incidenza da "vecchia" zona rossa
Cronaca Buccinasco, 03 Dicembre 2021 ore 11:57

Monitoraggio Covid Ats provincia Milano: i Comuni con incidenza da "vecchia" zona rossa.

Monitoraggio Covid Ats provincia Milano: i Comuni con incidenza da "vecchia" zona rossa

MILANO - Crescono i casi nella città di Milano e nei Comuni della cintura Metropolitana. A livello regionale, l'incidenza media si attesta, secondo gli ultimi dati aggiornati a giovedì 2 dicembre 2021, a 148,7 (poco sotto la media nazionale), e sulle stesse cifre è la Città Metropolitana di Milano, a 152,7. Un valore che apparentemente sembra alto (e di sicuro è alto rispetto alla "pax" a cui ci eravamo abituati da questa estate fino al mese di ottobre incluso), ma ora, sicuramente rispetto ad un anno fa, racconta solo parte della nostra "storia pandemica".

La premessa è d'obbligo

Molte cose sono infatti cambiate, verso il meglio, in questi ultimi 12 mesi. E non possiamo non tenerne conto mentre molti di noi ancora si lasciano "trasportare" da una comunicazione mediatica che, soprattutto in tempi di pandemia, non ha mai imparato le regole del gioco (o meglio, più o meno inconsciamente, ha ignorato queste regole del gioco, sparando titoloni sul rialzo, sulla criticità o sulla novità del giorno, alla caccia di un click, ma senza pesare e dosare l'effetto che questo potesse avere sui lettori).

Un anno fa un'incidenza alta (stiamo parlando dell'incidenza settimanale di casi Covid ogni 100mila abitanti e a questo link trovate il solito bigino per capire di cosa si stia parlando) portava percentualmente ad un certo numero di ricoveri, terapie intensive e purtroppo decessi. Oggi, grazie ai vaccini (la Lombardia ha annunciato proprio ieri, 2 dicembre, di aver raggiunto il 91% di persone vaccinate) questa percentuale di causa-effetto è fortemente ridotta. In parole povere a "tot" casi corrispondono molti meno ricoveri e morti. E non c'è proprio paragone tra "Oggi" e un anno fa, come mostra questa tabella riassuntiva pubblicata dalla Regione:

Monitoraggio Covid Ats provincia di Milano: non ci sono paragoni rispetto a 12 mesi fa

Ancora oggi, va però sottolineato, se il virus circola molto, è indubbio che un certo numero di persone avrà comunque bisogno di ricovero ospedaliero e una parte di queste persone non riuscirà purtroppo a sconfiggere questo maledetto virus. Ma la differenza rispetto all'anno scorso, lo evidenziamo un'altra volta, è abissale. I morti con/da Covid in Italia ieri sono stati 74. Un anno fa, alla stessa data, erano 717. Un anno fa eravamo chiusi in casa, molte attività chiuse e coprifuoco serale. Oggi è tutto aperto.

Come corre il contagio nei nostri Comuni

Nonostante questo netto miglioramento della situazione, non possiamo nè dobbiamo trascurare questa inevitabile risalita dei casi, data da una vita vissuta maggiormente al chiuso, causa stagione invernale, e la necessità di contrastare l'abbassamento della protezione data dai vaccini dopo sei mesi dalla seconda dose.

Diversi sono i Comuni del milanese dove Ats Milano, nell'ultimo report datato 1 dicembre e relativo alla settimana 22-28 novembre, mostra un quadro epidemiologico di attenzione. Ecco il quadro completo (IN FONDO ALL'ARTICOLO I NUMERI DI TUTTI I COMUNI).

Sono 12 i Comuni della provincia di Milano che mostrano un'incidenza superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti (alcuni di essi, va sottolineato, sono Comuni con pochi abitanti; pertanto bastano pochi casi in più in una settimana per far schizzare verso l'alto questo indice). Questo dato, 250 casi per 100mila abitanti, una volta faceva scattare (o avrebbe dovuto far scattare) la "vecchia" zona rossa, ben diversa da quella attuale: nella vecchia zona rossa, infatti, chiudeva tutto. Era praticamente un lockdown semi-totale. Oggi, fortunatamente, l'incidenza settimanale è solo uno dei fattori. Gli altri due parametri per il cambio di colore (comunque a livello regionale e non comunale) sono occupazione di posti letto ospedalieri in terapia intensiva e ordinari. E quelli, a livello regionale, sono ancora decisamente sotto controllo, seppur in peggioramento.

Ignorare l'incidenza sarebbe comunque un errore

Nonostante i parametri ospedalieri siano ancora buoni, ignorare l'incidenza è sempre un errore: un alto numero di casi, infatti, inevitabilmente porterà a lungo termine un aumento di persone ricoverate in ospedale.



 

Distretto Rhodense: Assago supera la soglia di incidenza

Assago supera nettamente la soglia critica (ma avendo pochi abitanti può mostrare un dato molto fluttuante da una settimana con l'altra), con una valore di 339 (ATTENZIONE! LE CIFRE RIPORTATE TRA PARENTESI NON SONO I NUMERI DEI NUOVI CASI, BENSÌ IL DATO DI INCIDENZA. CLICCA QUI PER CAPIRE DI COSA SI TRATTA), Cusago si attesta a 195, ancora meglio Trezzano sul Naviglio con 146 e Cesano Boscone con 100. Buccinasco è al limite della soglia di allerta: 247, invece Corsico è ferma a quota 121 casi ogni 100mila abitanti. Questi Comuni per quanto riguarda l’Asst Rhodense.

Distretto Ovest Milano: Cisliano è il Comune con il valore più alto

Gaggiano ha un'incidenza sotto la media: si attesta a 76. Ancora meglio Rosate, ferma a 56. Il Comune con incidenza molto elevata è Cisliano, con 493 casi ogni 100mila abitanti, ma, anche in questo caso, il numero basso di abitanti può portare a numeri così alti (nel prossimo monitoraggio vedremo se questa tendenza andrà a ridursi). Questi i Comuni dell’Asst Milano Ovest.

Distretto Melegnano-Martesana: Cerro al Lambro e Lacchiarella mostrano incidenza elevata

Buona situazione per Binasco con 138, Lacchiarella invece supera la soglia, con 311 casi ogni 100mila abitanti. Situazione nella norma per Mediglia (147), Opera (194) e Noviglio (195). Melegnano è sotto soglia (82), così come Rozzano (132) e San Giuliano Milanese (127). Alta incidenza per Cerro al Lambro, con 332 casi ogni 100mila abitanti. Buona la situazione a Pieve Emanuele, con 107, a Basiglio 162 e San Donato Milanese con 98.Questo per quanto riguarda l’Asst Melegnano-Martesana.

E nella città di Milano?

A Milano città la situazione è abbastanza eterogenea nelle diverse zone. Secondo il monitoraggio di Ats, comunque, al momento nessuna area presenta un'alta incidenza, come ben evidenziato da questa tabella, dove le zone di Milano sono suddivise per Cap.

Una considerazione quasi ovvia

Appare ormai evidente che non possiamo più permetterci di vivere in "totale" tranquillità, come abbiamo fatto negli ultimi sei mesi. E' necessario tornare con maggiore applicazione alle buone abitudini di un tempo: mascherine al chiuso e in luoghi affollati, igiene delle mani, distanziamento ove possibile. Senza alcun panico, però! Ma soprattutto è necessario vaccinarci, tutti: chi con la prima e chi con il richiamo se passati 5 mesi dalla seconda dose.

Una nuova chiamata alle armi, insomma, forse per la battaglia finale.

Andrea Demarchi

I DATI DI TUTTI I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO (se non vedi bene le immagini le trovi a questo link):

inc lo
Foto 1 di 5
inc mar mel
Foto 2 di 5
inc ovest mi
Foto 3 di 5
inc nord mi
Foto 4 di 5
incid rho
Foto 5 di 5