Manifesti coperti, Mei: "Non un attacco a Errante, ma a me e a Forza Italia"

È intervenuto sulla vicenda anche l’ex candidato sindaco Roberto Mei.

Manifesti coperti, Mei: "Non un attacco a Errante, ma a me e a Forza Italia"
Cronaca 03 Ottobre 2020 ore 13:27

Manifesti coperti, Mei: "Non un attacco a Errante, ma a me e a Forza Italia".

Manifesti coperti, Mei: "Non un attacco a Errante, ma a me e a Forza Italia"

CORSICO – “La copertura dei manifesti ha avuto un obiettivo mirato: Forza Italia”. Sulla vicenda dei cartelloni elettorali trovati coperti questa mattina con scritte “Corsico a testa alta? Siete vergognosi”, interviene anche l’ex candidato sindaco Roberto Mei che chiarisce come “questo atto non sia un gesto di protesta della sinistra ma, al contrario, sia stato compiuto da elettori delusi che non hanno apprezzato la nostra posizione al ballottaggio" precisa Mei.

Le parole di Roberto Mei

"Fin troppo semplice pensare che sia un attacco al centro destra tutto. Il soggetto in questione è Forza Italia e al massimo la coalizione di cui faceva parte (con i suoi 1.133 voti). L’obiettivo sono io, il mio slogan, la mia credibilità e il simbolo che rappresento di Forza Italia. Non credo affatto che arrivi da sinistra questa protesta, ma che siano elettori delusi che non hanno apprezzato la nostra posizione al ballottaggio. La nostra incoerenza sta raccogliendo i frutti del proprio lavoro. Non bastavano gli attacchi social, le chat, le discussioni nate con i passanti: la gente è rimasta schifata. Che senso ha avuto fare tutto questo? Tirano in ballo me e il mio slogan: a testa alta. È un attacco personale e alla scelta del partito che ha coinvolto anche me. Smettiamola di strumentalizzare. Qui l’unico che si sta giocando faccia e reputazione sono io e farò tutti i passi necessari, anche giuridici, per tutelare la mia immagine”.

"Smettiamola di strumentalizzare"

Mei si riferisce alla decisione di candidarsi sindaco in rottura con Errante, presentandosi con il suo partito, Forza Italia, insieme a Corsico al Centro e Italia Viva. Se il partito renziano ha deciso poi di appoggiare il candidato di centro sinistra Stefano Ventura al ballottaggio, Forza Italia, a maggioranza, ha scelto di supportare la candidatura di Filippo Errante. Una decisione che non è piaciuta a chi ha votato la coalizione centrista proprio per non dare la preferenza al candidato di centro destra. Secondo Mei, il cambio di rotta ha sollevato indignazione e proteste da parte degli elettori che avevano riposto fiducia nella nuova proposta.

Il commento di Stefano Ventura

Sulla vicenda si è espresso anche il candidato di centro sinistra Stefano Ventura che ci ha tenuto a “condannare il gesto, perché la democrazia e il rispetto deve esserci sempre. Chiaramente si tratta di un atto interno al centro destra e conseguenza di loro diatribe – ha commentato Ventura –. Diversamente da come cerca di far passare Errante, in modo strumentale, la sinistra non c’entra proprio nulla con questo atto deprecabile. La nostra campagna si è sempre basata sull’onestà, trasparenza e rispetto massimo. Meglio indagare all’interno delle proprie coalizioni che puntare il dito verso noi”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home