Giornale dei Navigli > Cronaca > Fuggono al posto di blocco e tentano di investire i carabinieri: arrestati
Cronaca Rozzano -

Fuggono al posto di blocco e tentano di investire i carabinieri: arrestati

Uno solo è riuscito a scappare, sulle sue tracce ci sono già i militari. Ancora mistero sulle cause della fuga.

Furto ditta edile

Fuggono al posto di blocco e tentano di investire i carabinieri: arrestati.

Fuggono al posto di blocco e tentano di investire i carabinieri: arrestati

ROZZANO – Sono ritenuti responsabili di violenza e resistenza a pubblico ufficiale i due marocchini di 34 e 40 anni arrestati questa mattina dai carabinieri di Rozzano. I militari hanno notato l’auto, una Peugeot 308 con a bordo tre persone, in via Curiel.

Inseguimento per le vie cittadine

Impegnati nel quotidiano controllo del territorio, hanno ordinato l’alt alla macchina sospetta, ma il guidatore invece di fermarsi ha ingranato la marcia e schiacciato il piede sull’acceleratore, provando a scappare. È nato un inseguimento per le vie cittadine, con i tre delinquenti che hanno provato a investire e speronare i carabinieri. Ma i militari sono stati più veloci e li hanno bloccati, impedendo loro di proseguire la fuga.

Ancora un mistero la causa della fuga

Uno solo è riuscito a scappare, aprendo la portiera dell’auto e correndo mentre i carabinieri erano impegnati a bloccare gli altri due malviventi. Ancora da scoprire il motivo della fuga e del tentativo di buttare fuori strada la macchina dei carabinieri: i due marocchini non avevano nulla in tasca, probabilmente quello che cercavano di nascondere è stato portato via dal terzo uomo. Sulle sue tracce ci sono già i militari.

Un caso simile a Cornaredo proprio due giorni fa:  Ladri provano a investire i carabinieri e scappano: presi

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente