Giornale dei Navigli > Cronaca > Ladri provano a investire i carabinieri e scappano: presi
Cronaca Naviglio grande Rho e Bollate -

Ladri provano a investire i carabinieri e scappano: presi

Portati a San Vittore, sono accusati di ricettazione, riciclaggio, resistenza a PU ed evasione.

Ladri provano investire carabinieri

Ladri provano a investire i carabinieri e scappano: presi.

Ladri provano a investire i carabinieri e scappano: presi

CORNAREDO – Appena hanno visto i carabinieri avvicinarsi, i due giovani, 23 e 24 anni, entrambi di origini albanesi, hanno ingranato la marcia e schiacciato sul pedale dell’acceleratore per scappare. Per assicurarsi la fuga, non hanno avuto scrupoli: i due hanno provato a investire i carabinieri in servizio e hanno danneggiato diverse auto in sosta.

Bloccati dopo una colluttazione

Il sospetto dei militari era nato qualche minuto prima, quando i carabinieri di Cornaredo guidati dal comandante Luca Tiraboschi, si trovavano in via Brera per un normale servizio di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione dei furti in appartamento. I militari hanno notato i due giovani mentre smontavano la targa di una macchina, una Mercedes classe A che è poi risultata rubata a Roma a novembre. I due ladri hanno provato a scappare, ma la fuga è durata pochi minuti: i carabinieri, dopo una colluttazione, sono riusciti a bloccarli.

La perquisizione dell’auto

La perquisizione ha consentito di trovare nell’auto usata dai due ladri diversi attrezzi per lo scasso, di cui numerosi cacciaviti, gioielli e oro provenienti da furti, quattro ricetrasmittenti, tre targhe, di cui una clonata.

Gli accertamenti sui giovani e l’arresto

Gli ulteriori accertamenti sui giovani ha consentito di identificare uno dei due ladri come persona sottoposta a regime degli arresti domiciliari a Vermezzo, risultato irreperibile da tre mesi. Su entrambi pendono precedenti legati ai furti. Secondo le prime ricostruzioni, infatti, i due albanesi erano ladri di professione, autori di razzie seriali, in particolari in abitazioni. Arrestati, sono stati portati al carcere di San Vittore accusati di ricettazione, riciclaggio, resistenza a PU ed evasione.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente