Giornale dei Navigli > Cronaca > Famiglia decimata dal coronavirus: prima i figli, poi il padre e ora morta anche la madre
Cronaca Naviglio grande -

Famiglia decimata dal coronavirus: prima i figli, poi il padre e ora morta anche la madre

Arriva da Voghera l’ennesima storia che scuote l’Italia e non solo in questi giorni drammatici.

Famiglia decimata dal coronavirus

Famiglia decimata dal coronavirus: prima i figli, poi il padre e ora morta anche la madre.

Famiglia decimata dal coronavirus: prima i figli, poi il padre e ora morta anche la madre

Ci sono storie di speranza e di coraggio, che ci confortano, come quella di Italica, guarita a 102 anni oppure  come quella della mamma 38enne che è riuscita a farcela per i suoi tre figli. E poi ci sono storie di grande dolore e strazio, come questa, che arriva dal Basso Pavese dove colpisce che ad andarsene prima dei due anziani genitori siano stati i due figli, il più giovane di soli 46 anni.

Famiglia sterminata dal coronavirus

Una storia triste e tragica che arriva da Voghera e che racchiude in sé il dramma di un territorio aggredito dall’epidemia di Covid-19. Un’intera famiglia è stata sterminata dal Coronavirus. I primi a perdere la vita a causa dell’infezione sono stati i due figli di 54 e 46 anni, Daniele e Claudio. Tutt’altro che anziani. Entrambi erano ricoverati presso l’ospedale cittadino. Dopo qualche giorno la medesima sorte è toccata al padre: storico fabbro 86enne di Voghera, il signor Alfredo.

Morta anche mamma Angela

Ora nel giro di altri pochi giorni è morta anche mamma Angela, 77 anni. La donna era stata soccorsa dal personale del 118 nella giornata di mercoledì scorso, ma la sua lotta contro il virus è durata poco. Sabato si è arresa come i suoi familiari, ed è deceduta.

Si sono contagiati l’un l’altro

I quattro componenti della famiglia si sono contagiati l’un l’altro. Un contagio rapidissimo che, purtroppo, non ha lasciato loro scampo. Per tutti i soliti sintomi: febbre alta, tosse e grave difficoltà respiratoria. Una volta arrivati in ospedale, le loro condizioni erano già gravissime, e nulla è valso per salvargli la vita.


Sostieni Il Giornale dei Navigli 
Clicca il bottone  e scegli il tuo contributo, grazie!

L’emergenza sanitaria ed economica ha colpito tutti.

Anche quelli come noi che da 20 anni offrono un’informazione gratuita grazie alla raccolta pubblicitaria.

Crediamo che l’informazione locale debba continuare ad essere puntuale, autorevole, libera e accessibile a tutti. Per farlo, in questo periodo incerto, ci serve il vostro aiuto concreto.

Grazie per quello che potrete fare voi lettori e grazie a tutti i partner commerciali che continuano ad investire sui nostri prodotti editoriali.


TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente