Giornale dei Navigli > Cronaca > Corsico in Comune scrive alla commissaria: “Più attenzione sulla rsa Il Naviglio”
Cronaca Corsico -

Corsico in Comune scrive alla commissaria: “Più attenzione sulla rsa Il Naviglio”

Una missiva per chiedere chiarezza e attenzione su un tema delicato come quello delle rsa e della loro gestione.

Corsico in Comune rsa

Corsico in Comune scrive alla commissaria: “Più attenzione sulla rsa Il Naviglio”.

Corsico in Comune scrive alla commissaria: “Più attenzione sulla rsa Il Naviglio”

CORSICO – Una lettera, spedita alla commissaria prefettizia Francesca Iacontini che guida il Comune da un anno, da quando l’ex sindaco Filippo Errante si è dimesso. I mittenti sono i componenti del gruppo Corsico in Comune.

La lettera di Corsico in Comune sulla  gestione della rsa Il Naviglio

Una missiva per chiedere chiarezza e attenzione su un tema delicato come quello delle rsa e della loro gestione. “Prima di tutto desideriamo ringraziarla per quanto sta facendo a Corsico in merito alla gestione dell’emergenza sanitaria covid19, ma, allo stesso tempo, evidenziare alcune criticità nella modalità di comunicazione alla cittadinanza – scrivono dal gruppo –. Ci riferiamo precisamente alla situazione della Rsa “il Naviglio” in cui molti nostri concittadini sono ospitati o ricoverati per patologie pregresse.

La disastrosa situazione nelle rsa lombarde

È evidente ai più che nelle Rsa della Lombardia è avvenuto e sta avvenendo quello che tutti temevamo: la diffusione incontrollata del contagio su persone in situazione di fragilità fisica e/o psichica, contemporaneamente al personale di queste strutture non viene fatto nulla per accertare le condizioni di salute idonee all’assistenza, anzi, è dato supporre che molti lavorano in condizioni di asintomaticità positiva al covid19”.

“Bisogna dare delle risposte ai corsichesi”

Chiarimenti puntuali sulla situazione della struttura sanitaria corsichese che devono fare luce sul numero esatto di contagi, anche del personale sanitario. L’ad della rsa Sergio Bariani, infatti, ha ammesso nell’intervista Rsa Naviglio: “Situazione sotto controllo ma non abbiamo i tamponi” che la struttura non conosce il numero dei contagiati tra il personale, in quanto Ats non fornisce questo dato. “La rsa il Naviglio è accreditata al Sistema Sanitario Regionale pertanto, oltre ad avere oneri, usufruisce di tutte le agevolazioni che questo comporta – ancora dal gruppo –. La struttura gode di convenzioni con il nostro Comune e gestisce in regime di monopolio il centro diurno integrato. Bisogna dare delle risposte ai corsichesi in modo trasparente e responsabile, fornendo tutte le informazioni utili per capire le condizioni, aggiornate, all’interno della struttura”.

“I cittadini non sono solo numeri di matricola registrati all’anagrafe”

E concludono: “I cittadini di Corsico non sono numeri di matricola registrati all’anagrafe, sono persone con delle vite, un lavoro, una casa, con dei figli, genitori, nonni, con le proprie storie di vita e una dignità, pagano rette salate per i loro anziani ospitati o frequentanti il centro diurno, ci aspettiamo quindi una corretta informazione, aggiornamento costante e chiarezza sulla situazione attuale della struttura”. Corsico in Comune chiede quindi alla commissaria di “farsi interprete di questa necessità. Noi e la cittadinanza corsichese gliene saremo grati”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente