Giornale dei Navigli > Cronaca > Contagi coronavirus sud Milano, i dati aggiornati secondo il bollettino ufficiale
Cronaca Buccinasco Cesano Boscone Corsico Naviglio grande Rozzano Sud Milano Trezzano -

Contagi coronavirus sud Milano, i dati aggiornati secondo il bollettino ufficiale

In alcuni comuni si sono create le "unità di crisi" per fronteggiare l'emergenza. A Cesano polizia locale e protezione civile presidiano i parchi.

contagi coronavirus sud milano

Contagi coronavirus sud Milano, i dati aggiornati secondo il bollettino ufficiale.

Contagi coronavirus sud Milano, i dati aggiornati secondo il bollettino ufficiale

LEGGI QUI L’ULTIMO BOLLETTINO DEL MINISTERO AGGIORNATO A SABATO 7 MARZO

MILANO – Nuovi dati arrivati dal bollettino ufficiale. A ieri pomeriggio, venerdì 6 marzo, quando è stato diffuso il bollettino, il totale dei test effettuati in Lombardia è di 13.556, di cui 2.812 positivi e 10.381 negativi. I pazienti ricoverati sono 1.622 e 309 si trovano in terapia intensiva. Il totale dei dimessi o trasferiti a casa è di 469. I decessi sono 135 in Lombardia. La provincia che ha più casi è quella di Lodi (739), segue Bergamo con 623 e Cremona con 452. Milano (intesa come Città metropolitana) ne conta 267, Brescia 182, Pavia 180. Mantova ha 32 casi positivi, Varese 23, Monza Brianza 20, Como e Lecco 11 ciascuna, Sondrio 4. Altri sono in fase di verifica.

Focus sull’area del sud Milano

Per quanto riguarda il Sud Milano, sempre secondo i dati aggiornati del bollettino distribuito ieri sera, Cesano Boscone ha 1 caso positivo, Corsico 3, Gaggiano uno, Locate Triulzi 4, Mediglia 3, Melegnano 5, Milano 119, Opera 1, Peschiera Borromeo 2, Pantigliate 1, Pioltello 1, Rozzano 3, San Donato Milanese 6, San Giuliano Milanese 7, Trezzano sul Naviglio 2. Il bollettino riporta un caso a Pieve Emanuele, ma ieri il sindaco ha chiarito che il test è risultato negativo e sono in corso aggiornamenti per chiarire la situazione. I dati verranno aggiornati con il bollettino che sarà distribuito oggi.

Si attivano le Unità di crisi nei Comuni

Intanto, alcuni comuni stanno attivando l’unità di crisi (protagonisti sindaci, forze dell’ordine, protezione civile) per fare il punto localmente sulla situazione e “delineare alcune azioni aggiuntive da intraprendere rispetto a quelle indicate a livello governativo e regionale”, spiega il sindaco Simone Negri dove è stata attivata l’unità. “Da una parte l’intento è di offrire maggior assistenza alla cittadinanza, dall’altra si vuole cercare di ridurre il verificarsi di potenziali occasioni di diffusione del virus”. Per questo, polizia locale e protezione civile svolgeranno in sinergia un’attività di presidio sul territorio, finalizzata a evitare l’assembramento delle persone, in particolare in luoghi che si stanno popolando, complice la chiusura delle scuole, come i parchi cittadini.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente