Giornale dei Navigli > Cronaca > Cinghiale caduto nel Naviglio e abbattuto: Enpa Milano chiede spiegazioni
Cronaca Naviglio grande -

Cinghiale caduto nel Naviglio e abbattuto: Enpa Milano chiede spiegazioni

Enpa Milano: "Perché è stato deciso di intervenire con questa modalità in pieno centro cittadino?"

cinghiale abbattuto

Cinghiale caduto nel Naviglio e abbattuto: Enpa Milano chiede spiegazioni.

Cinghiale caduto nel Naviglio e abbattuto: Enpa Milano chiede spiegazioni

MILANO – Interviene Enpa Milano sulla vicenda di questa mattina, con la morte di due cinghiali caduti nel Naviglio, di cui uno soppresso con una fucilata. “Enpa Milano – scrive – chiede che siano date delle spiegazioni su quanto accaduto questa mattina, quando un cinghiale caduto nelle acque del Naviglio Grande è stato abbattuto con una fucilata.

Il racconto di una persona presente

“Erano presenti agenti della polizia locale, carabinieri e sommozzatori del Nucleo Fluviale dei Vigili del Fuoco al tentativo di salvataggio dell’animale, ma improvvisamente si è sentito uno sparo molto forte e presumiamo l’abbiano abbattuto, davanti a tutte le persone che assistevano e guardavano questa scena terribile, adulti e bambini”. È questo il racconto di una delle persone presenti al momento sul posto. Il suo racconto continua così – prosegue Enpa –: “Qualcuno dei presenti ha cominciato a urlare, a chiedere spiegazioni, ma nessuno dei soccorritori ha risposto. Potevano imbragarlo e tirarlo su senza necessariamente ucciderlo. Vorrei che fosse fatta chiarezza su questa cosa”.

“Perchè questa modalità di intervento?”

“Queste situazioni purtroppo non dovrebbero accadere – sottolinea Ermanno Giudici presidente di Enpa Milano –. È inaccettabile che in condizioni simili non fosse presente almeno un veterinario per cercare di sedare prima l’animale per poi recuperarlo e portarlo a terra. Vogliamo che ci vengano date delle spiegazioni su quanto realmente accaduto e capire perché è stato deciso di intervenire con questa modalità, in pieno centro cittadino.

Enpa: “Potevano essere adottati mezzi meno cruenti”

Potevano essere adottati mezzi meno cruenti soprattutto per l’animale, ma anche per la presenza di tutte quelle persone, costrette ad assistere a un pessimo epilogo. C’è necessità che, in caso di intervento su fauna selvatica di grandi dimensioni, vi sia una sinergia operativa rapida fra vigili del fuoco, che fanno sempre del loro meglio, polizia metropolitana e un veterinario”. Inizialmente i cinghiali caduti nel Naviglio erano due e forse erano le 6 del mattino quando questo è avvenuto, secondo la ricostruzione di Enpa. “Nell’inutile tentativo di uscire da solo dalle acque – spiegano – uno dei due è morto probabilmente per un infarto, per lo sforzo immane che ha dovuto compiere per cercare di risalire gli argini in quel punto troppo alti”.

LEGGI ANCHE  Cinghiali caduti nel Naviglio, nuotano diversi metri ma non sopravvivono VIDEO

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente