Giornale dei Navigli > Attualità > La risposta di Conte al bimbo che chiedeva un’autocertificazione per Babbo Natale
Attualità Naviglio grande -

La risposta di Conte al bimbo che chiedeva un’autocertificazione per Babbo Natale

Il premier non si è fatto trovare impreparato e a gran sorpresa ha preso la richiesta di Tommaso molto seriamente.

risposta Conte bimbo

La risposta di Conte al bimbo che chiedeva un’autocertificazione per Babbo Natale.

La risposta di Conte al bimbo che chiedeva un’autocertificazione per Babbo Natale

Tommaso ha 5 anni e, negli ultimi giorni, anche un’ulteriore preoccupazione oltre a quelle che già pesano su tutti i bimbi in questo difficile periodo di distanziamento sociale. Come la mettiamo con Babbo Natale? Servirà forse un’autocertificazione? E così, con estrema lungimiranza, il piccolo monzese ha chiesto alla madre di scrivere al premier Conte, per informarlo dei possibili problemi logistici che avrebbero potuto interessare Santa Claus…urge quantomeno una certificazione emanata dal Presidente del Consiglio. Conte non si è fatto trovare impreparato e a gran sorpresa ha preso la richiesta di Tommaso molto seriamente.

Tommaso scrive al premier e Conte risponde

Da Prima Monza

Giuseppe Conte ha risposto via Facebook al piccolo Tommaso, che chiedeva un’autocertificazione speciale per Babbo Natale che presto dovrà consegnare i doni ai bambini. Il bimbo poneva anche un altro problema di non poco conto all’attenzione del premier: Babbo Natale, si sa, è anziano; potrebbe far comodo quindi per tutelarlo e farlo lavorare in sicurezza mettergli a disposizione anche un igienizzante?

La risposta di Conte

La mamma del piccolo Tommy ha preso il computer e messo “nero su bianco” in una email tutte le preoccupazioni del suo bambino. Email inviata direttamente al premier. E con grande gioia di Tommaso e di tutti gli altri piccoli, la risposta di Conte è arrivata:

“Qualche giorno fa ho ricevuto questa lettera da parte di Tommaso, un bimbo di 5 anni di Cesano Maderno, il quale mi ha rivolto una richiesta molto particolare. Ecco la mia riposta:

Caro Tommaso,
ho letto il tuo messaggio e voglio rassicurarti. Babbo Natale mi ha garantito che già possiede un’autocertificazione internazionale: può viaggiare dappertutto e distribuire regali a tutti i bambini del mondo. Senza nessuna limitazione. Mi ha poi confermato che usa sempre la mascherina e mantiene la giusta distanza per proteggere se stesso e tutte le persone che incontra. L’idea di fargli trovare sotto l’albero, oltre al latte caldo e ai biscotti, anche del liquido igienizzante mi sembra ottima. Una buona strofinata gli permetterà di disinfettare ben bene le mani e di ripartire in piena sicurezza. Sono contento di sapere che tu e i tuoi compagni rispettate con scrupolo tutte le regole, in modo da proteggere anche mamma e papà, i nonni, e le persone più care. Per questo motivo ti annuncio che non sarà necessario precisare nella letterina a Babbo Natale che sei stato bravo: gliel’ho detto io. Gli ho raccontato che quest’anno in Italia è stato un anno molto difficile e tu e tutti i bambini siete stati adorabili. Ho saputo anche che vuoi chiedere a Babbo Natale di mandare via il coronavirus. Non sprecare l’occasione di chiedere un regalo in più. A cacciare via il coronavirus ci riusciremo noi adulti, tutti insieme. Così tu e i tuoi compagni potrete tornare presto a giocare liberi e felici e ad abbracciarvi tutti. Spensierati come sempre.
Un forte abbraccio,
Giuseppe Conte

La reazione

“Siamo tutti emozionatissimi – ha spiegato mamma Elena. Non ce lo aspettavamo. Ho saputo che il presidente ci teneva molto a rispondere a Tommaso. Quindi direi che questo è davvero il coronamento, il lieto fine di questa inaspettata favola”.
risposta Conte bimbo

Tommaso con mamma Elena

Una delega anche per Santa Lucia…

Da Prima Mantova

Caso analogo anche a Mantova: nella giornata di ieri, 12 novembre 2020, il sindaco Mattia Palazzi si è recato come di consueto a fa visita in una delle scuole della città, ad accoglierlo ha trovato un’inaspettata sorpresa: la lettera di una bambina che con l’innocenza tipica della sua giovane età chiedeva al primo cittadino di autorizzare Santa Lucia e il suo asinello a circolare per Mantova nonostante il Covid e il lockdown in corso. Anche in questo caso sono arrivate le rassicurazioni da parte del primo cittadino della città dei Gonzaga: via libera per Santa Lucia e per il suo ciucchino.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente