Giornale dei Navigli > Attualità > La Lombardia chiede coprifuoco notturno, dalle 23 alle 5, a partire dal 22 ottobre: ok dal Governo
Attualità Naviglio grande -

La Lombardia chiede coprifuoco notturno, dalle 23 alle 5, a partire dal 22 ottobre: ok dal Governo

Tra le altre idee, anche la chiusura dei negozi nel week-end.

Lombardia chiede coprifuoco notturno

La Lombardia chiede coprifuoco notturno, dalle 23 alle 5, a partire dal 22 ottobre.

La Lombardia chiede coprifuoco notturno, dalle 23 alle 5, a partire dal 22 ottobre

MILANO – Un vero e proprio coprifuoco notturno, dalle 23 alle 5 di mattina, in vigore a partire da giovedì 22 ottobre in tutta la Lombardia. È questa la proposta che i sindaci di tutti i Comuni capoluogo della Lombardia, il presidente lombardo dell’Anci, i capigruppo di maggioranza e di opposizione e il governatore Attilio Fontana avanzeranno al Governo, più precisamente al ministro della Salute Roberto Speranza.

La richiesta dopo l’ultimo Dpcm

Si tratta di un’opzione maturata e studiata nelle ultime ore, dopo che il premier Giuseppe Conte ha annunciato ieri (domenica 18 ottobre) il nuovo Dpcm, ritenuto troppo “soft” per la situazione dei contagi in crescita costante in Lombardia. Da qui l’idea, che è stata sottoposta anche al Comitato tecnico-scientifico lombardo e approvato da quest’ultimo. Gli unici casi in cui, nel caso in cui la proposta venisse accolta, ci si potrebbe muovere in quella fascia oraria sarebbero motivi “eccezionali”, ovvero di salute, di lavoro e di comprovata necessità.

Spaventano le possibili 600 terapie intensive occupate entro il 31 ottobre

La proposta nasce dalla rapida evoluzione della curva epidemiologica e dalla previsione della Commissione indicatori istituita dalla direzione generale dell’assessorato al Welfare lombardo, secondo cui al 31 ottobre potrebbero esserci circa seicento ricoverati in terapia intensiva e fino a quattromila in terapia non intensiva.

Ipotesi chiusura centri commerciali nei week end

Inoltre, nella riunione tenutasi tutte le parti hanno condiviso l’opportunità della chiusura, nelle giornate di sabato e domenica, della media e grande distribuzione commerciale, tranne che per gli esercizi di generi alimentari e di prima necessità.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Protesta studenti Falcone Righi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente