Attualità

Coronavirus, atterrati gli ultimi voli dalla Cina prima della chiusura del traffico aereo

Allerta massima e controlli su tutti i passeggeri e sul personale di bordo dell’Air China atterrato a Malpensa.

Coronavirus, atterrati gli ultimi voli dalla Cina prima della chiusura del traffico aereo
Attualità 31 Gennaio 2020 ore 12:26

Coronavirus, atterrati gli ultimi voli dalla Cina prima della chiusura del traffico aereo.

Coronavirus, atterrati gli ultimi voli dalla Cina prima della chiusura del traffico aereo

MILANO – Chiuso il traffico aereo da e per la Cina. Sono atterrati a Malpensa gli ultimi voli da Pechino e Shangai, prima del provvedimento di stop.

Massima allerta e controlli scrupolosi

Allerta massima e controlli su tutti i passeggeri e sul personale di bordo dell’Air China: gli operatori sanitari, attrezzati e protetti da mascherine e tute, hanno misurato per tre volte la temperatura delle persone sul volo proveniente dalla Cina, l’ultimo a essere autorizzato all’atterraggio sul territorio italiano. Alle persone a bordo è stato consegnato anche un vademecum con tutte le istruzioni, i sintomi da tenere sotto controllo e i recapiti a cui rivolgersi in caso di necessità.

I primi due casi annunciati ieri sera

Dopo la scoperta del caso di due contagiati da Coronavirus individuati a Roma, annunciati ieri sera in conferenza stampa dal premier Giuseppe Conte, l’allerta e l’attenzione anche sul nostro territorio rimane massima. Si tratta di una coppia, la moglie di 66 anni e il marito di 67, atterrati a Malpensa il 23 gennaio. Secondo le ricostruzioni, avrebbero passato un paio di giorni a Milano, prima di spostarsi a Roma, insieme alla loro comitiva, finita tutta in quarantena per precauzione. Qui, in un hotel di via Cavour, è partito l’allarme e il successivo immediato ricovero della coppia all’ospedale Spallanzani della Capitale. Tutte le misure previste sono state attivate, anche per ricostruire gli esatti percorsi della coppia e gli eventuali contatti con altre persone.

Il sindaco Beppe Sala

Sulla questione è intervenuto anche il sindaco Beppe Sala che invita a evitare “psicosi, queste pandemie quando si sviluppano non vanno sottovalutate ma certamente ci sono anche i mezzi per fronteggiarli. No alla psicosi ma grande attenzione. Dovendo essere molto concreti, a Milano già stiamo vedendo degli effetti anche sul funzionamento della città e dell’economia”, ha commentato il primo cittadino, secondo quanto riportano le agenzie di stampa. “Il turismo cinese a Milano porta 300 milioni al mese: si è già dimezzato. È chiaro che ci sia molta paura. Attenzione, ma niente psicosi”.

LEGGI ANCHE:

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Primi due casi accertati di Coronavirus in Italia

[icon name="external-link-square" class="" unprefixed_class=""] Allarme Coronavirus: operativi 3 laboratori e 17 reparti malattie infettive

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!