Giornale dei Navigli > Cronaca > 30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi
Cronaca Corsico -

30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi

Pesanti le accuse per alcuni dipendenti, secondo le dichiarazioni del colosso svedese.

dipendenti Ikea sospesi

30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi.

30 dipendenti Ikea sospesi: alcuni rubavano mobili cambiando i prezzi

CORSICO – Sono 30 i dipendenti dell’Ikea di Corsico allontanati dal negozio e sospesi. Un provvedimento che fa seguito a un intervento disciplinare arrivato dopo un’indagine interna che ha messo in luce una situazione di “gravi illeciti”.

Alcuni illeciti contestati dall’azienda

Si parla di merce rubata, nei fatti, sottratta allo store di via Marchesi con stratagemmi. Uno di questi, prevedeva la collaborazione di almeno una dozzina di dipendenti, sorpresi a togliere le etichette originali dei prezzi e appiccicarne altre che appartenevano, in origine, ai prodotti esposti nell’Angolo delle Occasioni, dove si trova la merce a prezzi molto ribassati. Quindi, un lampadario, un materasso, uno sgabello, venivano pagati pochi euro, come una mensolina, grazie alla “nuova etichetta”.

Un sistema “multi reparto”

Per far funzionare il giochino, che coinvolgeva anche amici e parenti dei dipendenti, almeno secondo le accuse di Ikea, ci volevano anche cassieri compiacenti, magari quelli delle casse self service che per l’occasione si giravano dall’altra parte. Carrello pieno, pochi euro spesi.

Da lunedì consegnate le lettere di sospensione

Lunedì è iniziata la consegna delle lettere che comunicavano ai dipendenti la sospensione. Via la giacca gialla, badge, e fuori dalla porta, dopo aver preso visione della missiva ai piani alti dello store del colosso svedese. Avranno cinque giorni per fare ricorso, per presentare le proprie motivazioni e giustificazioni alle accuse mosse da Ikea che preferisce, almeno in questa fase, non sbilanciarsi troppo.

La nota stampa dell’azienda

“Un’indagine interna ha svelato il grave comportamento di alcuni co-worker dello store di Corsico volto a danneggiare le risorse aziendali. Ikea sta prendendo i provvedimenti necessari per proteggere i propri co-worker e il proprio brand. Nel rispetto dei co-worker coinvolti, delle procedure e di Ikea, non possiamo fornire dettagli sui singoli procedimenti disciplinari”, fanno sapere attraverso una nota stampa.

Riserbo anche dai delegati sindacali

Riserbo che hanno anche i delegati sindacali: pochi minuti dopo la “cacciata” dei dipendenti, hanno preferito non rilasciare dichiarazioni o commenti. Ricontattati il giorno dopo, hanno deciso di mantenere ancora riserbo sulle dichiarazioni: preferiscono ascoltare tutti i dipendenti e ricostruire esattamente la vicenda.

Possibili risvolti penali

Intanto, considerando la gravità dei fatti, il furto di gruppo e la probabile ricettazione (con i mobili sottratti al negozio e rivenduti forse online, anche in qualche gruppo di compro-vendo-usato), i risvolti potrebbero essere anche penali e la “banda delle etichette” dovrà dimostrare di essere innocente, non solo davanti a Ikea.

Francesca Grillo

Leggi anche Ikea Corsico: ma cosa sta accadendo?

Leggi anche Caso Ikea | Filcams: “Lavoratori allontanati senza la possibilità di spiegarsi”

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente