Menu
Cerca
OCCASIONI SPRECATE

Nessuna vittoria per Milan ed Inter

Ieri si è giocata la 16^ giornata di Serie A con l'Inter ospite della Sampdoria a Genova, mentre il Milan, a San Siro, ha sfidato la Juventus.

Nessuna vittoria per Milan ed Inter
Sport Naviglio grande, 07 Gennaio 2021 ore 10:55

Nessuna vittoria per Milan ed Inter.

Nessuna vittoria per Milan ed Inter

Ieri è andata in scena la 16^ giornata di Serie A con l’Inter ospite della Sampdoria a Genova mentre il Milan, a San Siro, ha sfidato la Juventus.

Sampdoria-Inter

La squadra di Conte non è riuscita a portare i tre punti a casa: All’inizio del match Sanchez ha la possibilità di portare l’Inter in vantaggio dagli undici metri ma il suo tiro viene parato da Audero; ed è proprio questo penalty sbagliato che darà la forza alla Sampdoria di segnare con Candreva e Keita (due ex). Nella ripresa De Vrij segna il 2-1 su angolo. I nerazzurri con questa sconfitta rimangono secondi con 36 punti.

Conte

Il tecnico nerazzurro ha parlato così al termine del match:

“È stata una partita strana, ci siamo ritrovati dal rigore sbagliato all’uno-due della Sampdoria, che ci ha creato delle difficoltà. La squadra però stava facendo bene, ha creato tante situazioni per fare gol. A volte purtroppo capita di perdere delle partite pur dominando. Dopo il 2-0 non era facile, ci abbiamo comunque provato, ma non siamo riusciti. Non è la prima volta che giochiamo senza Romelu. È inevitabile che sia un giocatore con certe qualità, ma non era al 100%, si è visto anche quando è entrato. Dispiace perché avremmo meritato qualcosa in più. Dovremo sicuramente analizzare le cose positive e quelle che non hanno funzionato, per cercare di migliorare. Al tempo stesso è stata una partita strana, come ho già detto. C’è stato grande impegno e grande voglia da parte dei ragazzi, però la dea bendata oggi si è dimenticata di noi. Sinceramente credo che la nostra fase offensiva, considerando anche le occasioni create, sia ottima. C’è ampiezza, ci sono gli inserimenti dei centrocampisti, c’è il lavoro dei due attaccanti. Quest’anno forse è mancato un po’ di equilibrio nella prima parte. Abbiamo concesso qualche gol in più ma dal punto di vista delle situazioni di gioco e di come occupiamo l’area, c’è poco da rimproverare alla squadra. I gol realizzati l’anno scorso e quest’anno lo testimoniano”.

Milan- Juventus

I rossoneri sono arrivati a San Siro con numerose assenze: Ibrahimovic, Bennacer, Saelemaekers, Rebic, Tonali, Krunic e Gabbia. Pioli ha dovuto ricostruire da zero la squadra, mettendo Calabria sulla mediana insieme a Kessie. Nonostante questo i rossoneri hanno giocato bene, creato molte occasioni, e sono riusciti a tirare in porta ben venti volte. Al 18′ Chiesa porta in vantaggio la Juventus, ma, al 41′, Calabria trova il gol del pareggio con un siluro sotto l’incrocio. Nella ripresa però le assenze si fanno sentire e i bianconeri siglano altri due gol con Chiesa e McKennie. La squadra di Pioli, nonostante la sconfitta, rimane prima in classifica con 37 punti.

Pioli

L’allenatore rossonero ha parlato così nel post partita:

“Sconfitta figlia della bravura dei nostri avversari a tornare in vantaggio. La partita è stata equilibrata, il secondo gol ha aperto un po’ la gara. Abbiamo fatto ciò che dovevamo fare, tirando in porta tante volte, lasciando occasioni alle avversarie, che hanno tante qualità. Bravi gli avversari a segnare. Per la classifica ha fatto male. Valuteremo qualche situazione difensiva dove si poteva fare meglio, ma la squadra ha interpretato bene la partita. Non siamo riusciti a sfruttare situazioni per andare in vantaggio noi. L’episodio del secondo gol ha cambiato la partita e non siamo più riusciti a riprenderla. Sette assenze sono tante per chiunque. Ma non abbiamo perso l’identità, siamo riusciti ad essere anche pericolosi. Gli episodi e la qualità degli avversari hanno deciso la partita. Il secondo gol ha cambiato la partita e da lì abbiamo fatto più fatica. La squadra poteva spaventarsi della situazione, abbiamo saputo stanotte che non potevano giocare altri due giocatori. Ma ho avuto risposte ottime. Non abbiamo ottenuto tutti questi risultati così, per caso. Abbiamo certi valori, e oggi abbiamo tenuto il campo bene. Se c’era una squadra contro cui potevamo subire era la Juventus, che ha vinto 9 Scudetti di fila. Ma le abbiamo tenuto testa. Se analizziamo le situazioni dei gol, la loro qualità ci ha penalizzato. I ragazzi erano delusi, con teste basse. Ma è giusto così. È giusto anche assaporare il brutto sentimento di una sconfitta. Una pacca sulla spalla la meritavano. Quando una squadra gioca così e dà il massimo che ha non devono esserci rimpianti. Domani cercheremo di capire alcune situazioni. Ma testa alta. Dobbiamo dimostrare di essere una squadra forte, come abbiamo fatto oggi”.

FP

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli