SERIE A

Cagliari-Milan: IZ back

Il Milan espugna Cagliari 2-0, replica al successo dell’Inter sulla Juve e torna a comandare da solo a +3 sui cugini.

Cagliari-Milan: IZ back
Sport Naviglio grande, 19 Gennaio 2021 ore 10:23

Cagliari-Milan: IZ back.

Cagliari-Milan: IZ back

il Milan espugna Cagliari 2-0, replica al successo dell’Inter sulla Juve e torna a comandare da solo a +3 sui cugini. Attualmente i rossoneri sono primi in classifica con 43 punti, mentre i nerazzurri sono secondi con 40. Sabato prossimo i rossoneri affronteranno l’Atalanta e, un solo punto, garantirebbe alla squadra di Pioli il titolo di “campioni d’inverno”.

Note positive e negative

Cosa c’è di positivo? Naturalmente il ritorno di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese è ritornato in campo ieri sera dopo 57 partite d’assenza; impiega soltanto 7′ per siglare il primo gol su calcio di rigore, mentre al 57′ chiude la partita con un siluro mancino. Da apprezzare inoltre i rossoneri perchè, nonostante le innumerevoli assenze, continuano a comandare le partite con grandissima fiducia e tecnica. Note negative? L’espulsione di Saelemaekers e l’ammonizione di Romagnoli: entrambi salteranno il match di sabato prossimo contro l’Atalanta.

Pioli

Il tecnico rossonero ha parlato così al termine del match:

“Abbiamo dato un segnale a noi stessi, noi pensiamo sempre a dare il massimo partita dopo partita. Sappiamo che dobbiamo essere sempre pronti. Ai tifosi dico grazie per il loro sostegno e che la squadra fa di tutto per dare il massimo. Noi continuiamo a pensare che la prossima gara è sempre la più importante. La classifica la guardiamo ad aprile. Ce ne sono 7 in Italia che lotteranno fino alla fine. A tenere a bada Mandzukic ci pensa Ibra (ride ndr). No, io sono contento. Siamo ambiziosi e vogliamo tornare dove meritiamo di stare. L’arrivo di Mandzukic va in questa direzione in una stagione con tanti infortuni, assenze e problematiche. Non è importante quanti minuti fa un giocatore ma come li fa. Con Mario ho parlato, è motivato. E’ un vincente e ci darà una mano certamente. Ha caratteristiche che ci servivano. Lui assieme a Ibra non è un’eresia, non mi precludo mai niente. Se tutti sono disponibili va bene. Non ho parlato del ruolo e valuteremo varie situazioni, ma giocando con 2 punte dovremo avere 4 forti dietro. Il calendario è fitto e inevitabilmente ci sarà il turnover, l’esperienza ci insegna che abbiamo tirato il collo a parecchi giocatori e abbiamo pagato con gli infortuni”.

FP

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste