Idee & Consigli

Gli strumenti e le strategie della comunicazione B2B

Gli strumenti e le strategie della comunicazione B2B
Idee & Consigli 18 Ottobre 2022 ore 16:27

La comunicazione B2B contemporanea si basa sull’integrazione. È proprio questa la struttura di questo tipo di comunicazione che si basa sempre di più nel considerare gli strumenti importanti della tecnologia. Infatti le soluzioni tecnologiche attuali, oltre a mettere a disposizione dei veri e propri strumenti molto utili, sono orientate nell’offrire delle possibilità. Ovviamente per sfruttare tutte queste opportunità occorre conoscerle ed essere consapevoli. Ma quali sono gli strumenti, anche tradizionali, che in chiave contemporanea vengono rivisti e utilizzati sapientemente? Scopriamone di più a questo proposito.

Il direct e-mail marketing

Se ci si rivolge all’agenzia di marketing B2B Parklab è possibile entrare in contatto con alcune opportunità importanti, come per esempio quelle messe a disposizione dal direct e-mail marketing. Bisognerebbe sempre disporre di uno strumento per gestire le newsletter.

Infatti, quando si inviano le e-mail ai clienti o ai potenziali tali, bisogna avere chiara quale sia la situazione sull’effettiva resa delle comunicazioni. Un’operazione importante è quella di profilare i destinatari e di programmare l’invio di e-mail in base al periodo o agli eventi che si realizzano.

Oppure, per esempio, si possono tenere in considerazione le abitudini degli utenti. Quindi è fondamentale la capacità di leggere i dati, anche per eventualmente puntare su un’altra direzione già in corso d’opera. Inoltre è essenziale la creatività nello sfruttare i messaggi e le campagne di comunicazione.

Il ruolo dei social network

Molti si chiedono perché un’azienda che tiene in considerazione il campo del B2B non dovrebbe trascurare i social network. La risposta è molto semplice da trovare, perché i clienti tengono molto in considerazione i social.

È vero che un’azienda B2B ha l’obiettivo di vendere ad altre aziende. Ma le aziende sono fatte di persone. Molte di queste trascorrono diverso tempo ad interagire sui social e a fare delle condivisioni.

Ecco perché anche un’azienda che si occupa di B2B non potrebbe fare a meno di considerare ciò che accade nel mondo dei social network per avere più opportunità.

Ma in concreto che cosa può fare un’azienda B2B per agevolare le vendite e renderle più rapide ed efficaci? Ecco qualche consiglio utile su come impostare la propria strategia.

I consigli utili da seguire per una strategia B2B

Per avere più possibilità di vendite anche nel campo del B2B si deve agire con una strategia ben precisa, in grado di seguire alcune fasi fondamentali. Bisogna preparare un piano editoriale integrato, avendo l’accortezza anche di poter condividere dei contenuti su Facebook, su Twitter in maniera breve e su Linkedin.

I contenuti possono essere integrati anche facendo riferimento a ciò che è presente su YouTube. La strategia comprende anche l’opportunità di inviare newsletter, sempre pianificando in maniera ben precisa nei confronti del target di riferimento.

Si possono progettare anche delle dirette su Facebook e su YouTube. È possibile definire hashtag per gli eventi live su Twitter, magari anche pubblicando le frasi più significative dei relatori. Si dovrebbero sempre taggare brand e persone su tutti i social e svolgere attività di PR.

Poi, facendo riferimento agli utenti che hanno partecipato all’evento, è possibile anche inviare una gallery riservata con documenti specifici. In questo senso è sempre bene conoscere i valori del proprio brand ed essere consapevoli delle tendenze e dei desideri della collettività, oltre che di quelli individuali.

Un contemporaneo responsabile della comunicazione deve essere sempre pronto a cogliere i bisogni del pubblico, anche quelli che si esprimono in forma latente. È proprio così che si possono scegliere immagini, parole, messaggi adeguati per comunicare in maniera corretta e fare in modo che la strategia di web marketing risulti perfetta. Possiamo dire, insomma, che un attuale responsabile della comunicazione deve avere anche delle competenze che riguardano il settore della psicologia.

Seguici sui nostri canali