Politica
FRASE SHOCK

In polemica con Liliana Segre, la cita con il numero di Auschwitz

La maggioranza: "Siamo inorriditi. Chieda scusa per presentarsi con un residuo di dignità di fronte al Consiglio e alla cittadinanza".

In polemica con Liliana Segre, la cita con il numero di Auschwitz
Politica Naviglio grande, 20 Novembre 2021 ore 14:46

In polemica con Liliana Segre, la cita con il numero di Auschwitz.

In polemica con Liliana Segre, la cita con il numero di Auschwitz

LISSONE - In aperta polemica contro le parole pro-vaccini della senatrice Liliana Segre, il consigliere comunale e provinciale leghista Fabio Meroni - che è anche ex sindaco di Lissone - al posto di citarla per nome, utilizza il numero di matricola con il quale fu internata nel campo di concentramento di Auschwitz. Lo raccontano i nostri colleghi di Prima Monza.

Liliana Segre per la campagna vaccinale

Non sono piaciute le parole di sostegno alla campagna vaccinale, pronunciate ieri - venerdì 19 novembre - dalla senatrice a vita Liliana Segre a margine della kermesse Bookcity che si è tenuta a Milano.

La senatrice, che nel 1944 fu deportata insieme alla sua famiglia nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, è infatti intervenuta a gamba tesa sul tema dei vaccini, accostando chi nega l'esistenza del virus a chi ancora nega la Shoah e l'Olocausto.

Ci sono i negazionisti della Shoah e ora c'è, anche se io non vorrei paragonarli, chi nega che ci sia un nemico invisibile. Per chi nega il Covid e per chi usa il nazismo c'è una sola parola: silenzio.

Queste sono state le lucide parole di Liliana Segre che ha anche aggiunto: "La gente diceva andrà tutto bene, e io invece ero estremamente pessimista. Ai nov-vax vestiti con costumi da lager si risponde con il silenzio".

Il post shock di Meroni

Le parole della senatrice a vita non sono però piaciute all'ex borgomastro leghista che, ironizzando sulla sua pagina social pubblica, al posto di citarla con il suo nome e cognome ha pensato bene di utilizzare il numero di matricola con cui la donna, all'epoca solo una ragazzina di soli 14 anni, fu deportata in un campo in Polonia partendo dal binario 21 della stazione centrale di Milano.

Lissone, il post di Fabio Meroni
Lissone, il post di Fabio Meroni

Un'uscita di cattivo gusto (inaccettabile per chi riveste anche un ruolo istituzionale) che, tra l'altro, ha scatenato le proteste di gran parte del mondo politico che ha chiesto pubblicamente le scuse.

Meroni, tra l'altro, non è nuovo a prese di posizione critiche sia rispetto al coronavirus in sé che rispetto alla gestione della campagna vaccinale.

Solo qualche settimana fa durante una seduta del Consiglio comunale aveva abbandonato i lavori in polemica con la decisione di chiedere il green pass - lui non è vaccinato - per accedere alla Sala consiliare del Palazzo del Comune.

La maggioranza: "Siamo inorriditi"

La maggioranza di Centosinistra che sostiene il sindaco Concetta Monguzzi non ha tardato a schierarsi dalla parte di Liliana Segre e, con una nota unanime, ha voluto prendere le distanze dall'uscita del consigliere della Lega.

I consiglieri comunali del Partito democratico, del Listone, della Lista per Concetta e di Vivi Lissone, inorridiscono dopo aver appreso della pubblicazione odierna su Facebook da parte del capogruppo della Lega Nord, consigliere provinciale ed ex-deputato Fabio Meroni: "c*zzo … mancava lei … 75190".

I consiglieri non hanno usato mezzi termini per denunciare l'accaduto e per chiedere al collega le scuse pubbliche.

Il numero 75190 è il numero che fu tatuato sulla pelle di Liliana nel campo di concentramento di Auschwitz. Le considerazioni volgari di chi come il consigliere Fabio Meroni equipara le vaccinazioni al nazifascismo offendono tutte le persone dotate di consapevolezza storica e di un senso di umanità e in particolar modo i cittadini lissonesi ed il Consiglio comunale. Le forze di maggioranza chiedono al consigliere Meroni pubbliche scuse come unica via per presentarsi con un residuo di dignità di fronte al Consiglio comunale e alla cittadinanza tutta.

Gli altri gruppi di opposizione del Centrodestra lissonese e del Movimento 5 Stelle, al momento, non si sono ancora espressi sull'accaduto.

Altre reazioni

Le reazioni non si sono limitate ai confini lissonesi, ma si sono estese anche alla Provincia. Emblematica la presa di posizione del consigliere comunale di Bellusco, nonché ex presidente della Provincia di Monza e Brianza, Roberto Invernizzi:

"75190 è il numero che venne tatuato sul braccio di Liliana Segre durante la sua prigionia ad Auschwitz. Fabio Meroni, consigliere del Comune di Lissone e della Provincia di Monza e Brianza pubblica, poco dopo che la Senatrice Liliana Segre rilascia un’intervista su quanti accostano la vaccinazione anti Covid alle barbarie dell’Olocausto, questo post. Il collegamento, evidente e non smentibile, qualifica chi lo ha scritto. E pone ciascuno di noi davanti alla scelta di ignorare o di indignarsi e non tollerare più. Per fortuna non mi capiterà mai più, come purtroppo è invece successo, di sedere in una assise con questo personaggio. Ma mi chiedo come potranno farlo coloro i quali, della sua parte politica o avversa, si dovranno confrontare con lui che non si dimostra degno di un confronto civile, umano e democratico. Il rischio che corro, e ne sono consapevole, è di regalargli notorietà. Un altro è quello che mi si accusi di non rispettare le opinioni altrui. Ma questa non è un opinione, questo è un modo indefinibile di essere e di agire che lascio volentieri a chi la pensa come Meroni. Io starò sempre dall’altra parte. Pubblico l’immagine del post. E mi assumo ogni conseguenza possa derivarne. Sperando che altri facciano lo stesso".

Cecchetti, coordinatore della Lega: "Inaccettabile, chiederò provvedimenti"

“Ognuno ovviamente può esprimere liberamente il suo pensiero e le proprie critiche politiche, verso chiunque e su qualunque tema, ma il modo in cui il consigliere Fabio Meroni si è rivolto alla senatrice Liliana Segre è inaccettabile e non rappresenta il pensiero di nessuno. E per questo chiederò provvedimenti.” Lo dichiara Fabrizio Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier, in merito al post del collega di partito, consigliere in Brianza, Fabio Meroni, in cui si è riferito a Liliana Segre 'appellandola' con il numero di matricola stampatole ad Auschwitz, scrivendo, sul tema dei vaccini "Mancava lei, 75190".

Meroni prima respinge al mittente, poi si scusa

"Imparino a guardare a casa loro, non sul mio profilo Facebook, dove scrivo quello che voglio". Questa la prima reazione del consigliere dopo la richiesta di scuse giunta da più fronti. Solo successivamente si è scusato: "In questo clima d’odio purtroppo anch’io mi sono lasciato coinvolgere e in modo totalmente sbagliato ho cercato di esprimere il mio pensiero — ha scritto in un biglietto di scuse — Voglio chiedere scusa alla senatrice Segre, che non intendevo in nessun modo offendere e se un giorno avrò l’onore di poterle parlare spiegherò personalmente il mio pensiero".