Economia e scuola
building e innovazione

L'edificio del futuro si racconta a MIBA

Più di 1250 espositori da 41 Paesi, 8 padiglioni, 420 hosted buyer: i numeri di una sinergia vincente

L'edificio del futuro si racconta a MIBA
Aggiornamento:

Dal 15 novembre a Fiera Milano (Rho) si terrà la prima edizione di MIBA-Milan International Building Alliance, il format che accoglie quattro manifestazioni che hanno come fil-rouge l’evoluzione dell’edificio e della città: GEE-Global Elevator Exhibition, il nuovo progetto dedicato alla mobilità orizzontale e verticale, MADE Expo, appuntamento internazionale leader per soluzioni innovative e sostenibili per le costruzioni e l’involucro, SBE-SMART BUILDING EXPO, manifestazione di riferimento per l'home and building automation e l'integrazione tecnologica, e SICUREZZA, manifestazione leader in Italia e tra le più importanti in Europa per security&fire

I numeri sono importanti

8 padiglioni, più di 1250 aziende da 41 Paesi, con le maggiori provenienze da Italia, Germania, Spagna, Francia e Cina. Un appuntamento che richiamerà a Milano decine di migliaia di operatori professionali, cui si aggiungono i 420 hosted buyer da 74 Paesi, provenienti dai 5 continenti (34% dall’Europa; 20% dall’Africa; 12% dal Medio Oriente; 10% dal Nord America; 8% da Centro e Sud America; 8% dall’Asia 8%; 6% dai Paesi Cis 6% e 2% dall’Oceania), altamente profilati e selezionati da Fiera Milano in collaborazione con ITA-ICE Agenzia. Le delegazioni più numerose arriveranno da Stati Uniti, Sud Africa, Emirati Arabi Uniti, Turchia, Georga. Afferma Simona Greco, Direttore Manifestazioni di Fiera Milan:

“Milan International Building Alliance ha raggiunto e superato l’obiettivo numerico che ci eravamo dati, ma è soprattutto un progetto riuscito dal punto di vista della forza che rappresenta. In un mondo in cui mercati e professionisti sono sempre più chiamati a dialogare e interagire con un approccio progettuale condiviso, anche noi abbiamo scelto di partecipare a questa evoluzione, contribuendo allo sviluppo di sinergie positive. A dimostrare la centralità del progetto, sono le aziende leader italiane e internazionali che hanno scelto di esserci, condividendo spirito e finalità di MIBA”.

Lo scenario di MIBA

Edifici e città in evoluzione Il settore edilizio riveste un ruolo di primo piano nella transizione energetica e nella evoluzione sostenibile delle nostre città, se si pensa che, all’interno dell’Unione Europea, il 40% delle emissioni inquinanti, il 50% dell’estrazione di materie prime, il 40-50% del consumo totale di energia, il 30% dei consumi idrici e il 30% della produzione di rifiuti sono riconducibili agli edifici.

In più, in Italia come in Europa il parco edilizio per il 35% ha più di 50 anni, e per quasi il 75% è inefficiente dal punto di vista energetico e solo l'1% del patrimonio edilizio viene rinnovato ogni anno.

Secondo i dati rielaborati dal Politecnico di Milano, i driver di sviluppo del mondo delle costruzioni - un settore chiave per l’economia, che attualmente genera circa il 9% del PIL europeo e rappresenta 18 milioni di posti di lavoro diretti - saranno proprio gli investimenti stanziati per favorire l’evoluzione green e traguardare l’obiettivo dello Zero Emissions Building. Potranno trarre notevole vantaggio dal rafforzamento del mercato delle ristrutturazioni in particolare le PMI, poiché contribuiscono per oltre il 70% al valore aggiunto del settore edilizio dell'UE.

Partendo da un patrimonio di circa 30 miliardi di metri quadri, si stima che il parco edilizio europeo aumenterà, entro il 2050, di una quota prossima al 50%, a fronte di circa 5 miliardi di metri quadri che verranno demoliti per lasciare spazio alle nuove realizzazioni.

La grande sfida, tuttavia, riguarderà il mercato delle ristrutturazioni, che beneficerà della leva del retrofit energetico. In questo ambito, l’attuale volume d’affari è valutato in circa 120 miliardi di €/anno, ma, grazie alle strategie in atto, è prevista per i prossimi anni una notevole espansione, che si stima arriverà a toccare i 275 miliardi di €/anno.

In questo contesto si colloca MIBA-Milan International Building Alliance, che con la sua offerta trasversale offrirà una panoramica a 360° su tecnologie, processi, soluzioni, materiale e prodotti coinvolti nella realizzazione di edifici e città a basso impatto ambientale, smart, sicuri ed accessibili.

La centralità delle competenza

Gli oltre 250 convegni ed eventi in programma offriranno una occasione unica di formazione per gli operatori in visita. Convegni, seminari e workshop affronteranno i temi più importanti per i settori di riferimento, declinati secondo tre direttrici: sostenibilità, innovazione e normative.

Ad inaugurare MIBA sarà il Building Innovation Forum dedicato al futuro delle città tra innovazione, qualità della vita, sostenibilità e partenariato pubblico-privato, mettendo a confronto esperti del panorama internazionale, esponenti delle istituzioni e attori chiave del mercato, con l’obiettivo di condividere tendenze attuali e possibili scenari, attraverso il racconto delle best practice e delle esperienze più avanzate degli ultimi anni.

L’identità sostenibile di MIBA

La sostenibilità non sarà solo uno dei temi chiave della offerta di MIBA, ma anche un tratto distintivo dell’evento.

Fiera Milano, in linea con il Piano di Sostenibilità di Gruppo e con la propria Mission, ha infatti avviato un percorso di misurazione dell’impronta carbonica generata dai suoi eventi. Questa edizione di MIBA si inserisce concretamente in questo percorso virtuoso, che ha previsto la misurazione delle emissioni di CO2 generate dall’evento secondo un approccio di Life Cycle Assessment (LCA), con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale generato e di intraprendere mirate azioni di efficientamento, che rendano MIBA parte del percorso che punta alla neutralità carbonica degli eventi entro il 2050.

Seguici sui nostri canali