Cultura e turismo
il progetto

Bullismo, sicurezza, violenza sulle donne e lotta alla droga: 70mila euro di progetti nelle scuole di Cesano

L'assessore Ravasi: "Molto soddisfatti di aver centrato l’obiettivo con il pieno coinvolgimento di tutti gli attori e le realtà associative del territorio".

Bullismo, sicurezza, violenza sulle donne e lotta alla droga: 70mila euro di progetti nelle scuole di Cesano
Cultura e turismo Cesano Boscone, 19 Novembre 2021 ore 16:49

Bullismo, sicurezza, violenza sulle donne e lotta alla droga: 70mila euro di progetti nelle scuole di Cesano.

Bullismo, sicurezza, violenza sulle donne e lotta alla droga: 70mila euro di progetti nelle scuole di Cesano

CESANO BOSCONE - Sono dodici i progetti destinati a bambini e ragazzi delle scuole, di ogni ordine e grado, che il Comune ha pensato, insieme a diverse realtà associative del territorio, e che intende realizzare nel corso dell’anno scolastico 2021- 2022.

I progetti per la scuola secondaria di primo grado

Alle studentesse e agli studenti delle scuole medie (scuola secondaria di primo grado) sono dedicati: il progetto sulla prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti promosso dalla polizia locale, l’app 1Safe per il pronto intervento sul cyberbullismo, gli incontri con i rappresentanti locali dell'ANPI sui principi fondamentali della Costituzione italiana, interventi nelle aule a cura dei Padri Somaschi sul tema del contrasto alla violenza sulle donne e un concorso letterario dal titolo “Maggiolab” che intende stimolare l’interesse alla lettura, l’attitudine alla scrittura e le doti di creatività, coordinato da Coop Lombardia.

Diversi i laboratori per ogni età

Rivolto ai più piccoli, e cioè alle bambine e ai bambini delle scuole d’infanzia, c’è il “Laboratorio di teatro Auser”: delle vere e proprie rappresentazioni con cui i volontari del gruppo Auser leggono e interpretano fiabe, attraverso piccole scenografie e un sottofondo musicale. Si chiama “Le parole non dette”, invece, il progetto proposto dalla cooperativa Attivamente rivolto agli studenti delle classi quinte elementari, e “Mi aspetto rispetto” quello destinato agli alunni della secondaria. Entrambi puntano a fornire gli strumenti per riconoscere un abuso sessuale, a sviluppare le capacità critiche affinché i ragazzi siano in grado di reagire di fronte a una situazione di disagio per non restarne vittima, a imparare a chiedere l’aiuto dei genitori o degli adulti di riferimento, a modificare atteggiamenti di eccessiva fiducia nei confronti di persone che si comportano in modo anomalo Mentre a tutte le classi della scuola primaria sono destinate le lezioni della Protezione civile sul ruolo dell’associazione nelle situazioni di pericolo ed emergenza.

Proposte per le elementari e medie

Rivolti a bambini delle elementari e ragazzi delle medie una serie di incontri, promossi dagli agenti della polizia locale, volti all’approfondimento della segnaletica stradale, con un focus specifico sui rischi connessi alla guida in stato di ebbrezza. Diverse e numerose sono, poi, le proposte del pacchetto sull’educazione sportiva, promosse dalle società ASD Acadance, ASD Scuola Sportiva Atletica, Fiabe Motorie, ASD Centro Ricerche Tai-Chi, ASD Cesano Basket, ASD Dojang Hwarang Taekwondo, ASD Volley Visconteo, ASD Cinghiali Rugby, con attività che vanno dal volley al basket, passando per l’atletica leggera, rivolte a bambini e ragazzi.

Le altre iniziative

Nessun vincolo di età per le attività che il Comune ha pensato di realizzare insieme all’associazione naturalistica Sylva: l’obiettivo è quello di avvicinare i più piccoli al patrimonio naturale e alla promozione di una sua gestione corretta in ottica di sostenibilità ambientale. E lo stesso vale per i gruppi di lettura da promuovere all’interno degli spazi della biblioteca.

L'assessore Ravasi

“Si tratta di progetti che – dichiara l’assessore all’Istruzione Ilaria Ravasi – come amministrazione, abbiamo voluto mettere in campo, investendo un budget complessivo di circa 70mila euro. Siamo molto soddisfatti di aver centrato l’obiettivo con il pieno coinvolgimento di tutti gli attori e le realtà associative del territorio. Perché questo ci consente, non solo di poter presentare ai genitori una ricca e varia offerta, ma di toccare e approfondire diversi temi: dalla sicurezza, alla violenza sulle donne, passando per la sostenibilità e l’attenzione all’ambiente. Noi crediamo, infatti, sia fondamentale sensibilizzare i più piccoli su tematiche così delicate ed essenziali, affinché possano crescere sapendo quali sono i valori alla base di una civile e democratica convivenza".