Giornale dei Navigli > Cronaca > Vandali devastano villetta confiscata ai narcos
Cronaca Rozzano -

Vandali devastano villetta confiscata ai narcos

Porta sfondata, stipite divelto, bottiglie di birra e immondizia abbandonata in giardino, dicono dal Comitato Molise 5.

Vandali devastano villetta

Vandali devastano villetta confiscata ai narcos.

Vandali devastano villetta confiscata ai narcos

ROZZANO – “Il Comitato Molise 5 nasce dalla volontà di partecipazione civica di un gruppo di liberi cittadini di Rozzano e rappresentanti di piccole associazioni del terzo settore che operano sul territorio quale espressione più alta di coinvolgimento e coesione sociale”. Si descrivono così i protagonisti di un Comitato che opera con passione e determinazione per restituire alla cittadinanza la villetta confiscata in via Molise al 5.

La trasformazione della villetta

Due piani, giardino immenso, fioriere grandi come vasche e statue alte un metro. Era la villetta di Mario Adduci, nato a Napoli nel 1966. Finito nella rete degli inquirenti già nel 1998, accusato di spaccio, si è poi beccato quasi 20 anni dopo un’operazione della Squadra Mobile di Milano che nel 2009 aveva scoperchiato i fitti traffici di droga con il Sud America. Una decina di anni fa la villetta gli è stata strappata: sequestrata, confiscata e restituita a bene comune. Da allora, cittadini, Amministrazione e associazioni (come Circola) hanno lavorato in sinergia per rimetterla a nuovo. Da villa dei narcos a bene di tutti, un “presidio dell’antimafia sociale”, come spiegano dal Comitato Molise 5. Insomma, tanto impegno, tanto tempo passato per renderla un posto migliore.

Le parole del Comitato Molise 5

“Abbiamo trovato la villetta in questo stato: la porta sfondata, con lo stipite divelto, bottiglie di birra e immondizia abbandonata in giardino – dicono dal Comitato –. Vogliamo ricordare a tutti che la villetta è un bene comune ed è compito morale di tutti prendersene cura. Come Comitato, vogliamo condividere le nostre preoccupazioni circa l’accaduto e vorremmo sentirci meno soli in questo duro compito di restituire un bene confiscato ai cittadini, cercando di diffondere un senso di appartentenza e cura per ciò che è pubblico. Speriamo che qualche coscienza si animi e ci aiuti a mantenere vivo e sano questo posto”. La condanna è arrivata anche dal sindaco Barbara Agogliati: “Nulla dà più fastidio di un bene confiscato che torna alla comunità. Ma noi andiamo avanti: non arrendiamoci”.

Francesca Grillo

Leggi anche A Rozzano Osservatorio per la Legalità nella villa del narcos

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente