Giornale dei Navigli > Cronaca > Tre donne arrestate in stazione per tentato furto ai danni di una turista
Cronaca Naviglio grande -

Tre donne arrestate in stazione per tentato furto ai danni di una turista

Si sospetta che il gruppo di donne arrestate e accusate di tentato furto in concorso si sia reso protagonista già in passato di altri episodi.

arrestate in stazione

Tre donne arrestate in stazione per tentato furto ai danni di una turista.

Tre donne arrestate in stazione per tentato furto ai danni di una turista

MILANO – Il sospetto, su cui indagano le forze dell’ordine ora, è che il gruppo di donne arrestate e accusate di tentato furto in concorso si sia reso protagonista già in passato di altri episodi.

Le tre arrestate: due bosniache e un’italiana

Tre giovani donne, due della Bosnia Erzegovina di 22 e 30 anni e una cittadina italiana di 27 anni: sono loro le responsabili del tentato furto ai danni di una turista. Ad arrestarle ci hanno pensato gli agenti della polizia ferroviaria che hanno seguito ogni istante dell’episodio durante uno dei giornalieri servizi anti borseggio effettuati alla Stazione Centrale di Milano.

La turista nel mirino

In piazza IV novembre, di fianco allo scalo ferroviario, gli agenti hanno notato le tre donne aggirarsi tra le persone in attesa di prendere il taxi. Scrutando i viaggiatori, hanno individuato la vittima, una turista turca che viaggiava da sola. Si sono avvicinate e mentre in due la distraevano la terza ha aperto la borsa della turista e si è messa a frugare all’interno in cerca del portafogli. Ma gli agenti hanno visto tutto e hanno bloccato immediatamente le tre ladre che sono finite in manette e dovranno ora rispondere dell’accusa di tentato furto in concorso.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente