Giornale dei Navigli > Cronaca > Tenta il suicidio buttandosi dal quinto piano, ma i poliziotti la salvano
Cronaca Naviglio grande -

Tenta il suicidio buttandosi dal quinto piano, ma i poliziotti la salvano

Uno dei poliziotti è riuscito a raggiungere il balconcino di fianco a quello dove si era arrampicata la giovane.

Tenta il suicidio

Tenta il suicidio buttandosi dal quinto piano, ma i poliziotti la salvano.

Tenta il suicidio buttandosi dal quinto piano, ma i poliziotti la salvano

MILANO – La segnalazione è arrivata nel pomeriggio di ieri, quando i passanti hanno visto una ragazza seduta sul cornicione del balcone, con il chiaro intento di saltare giù e togliersi la vita.

La ragazza era seduta sul cornicione del balcone

Immediato l’arrivo della polizia: in pochi minuti dalla richiesta di aiuto, gli agenti del Commissariato Villa San Giovanni sono entrati nel palazzo, diretti all’appartamento della giovane, in via Boiardo. Hanno poi raggiunto la casa di fianco e, dall’interno, sono riusciti a individuare la ragazza, una 21enne di origini cinesi, sul ballatoio esterno, al quinto piano. Gli agenti hanno sentito dei lamenti: uno dei poliziotti è riuscito a raggiungere il balconcino di fianco a quello dove si era arrampicata la giovane, trovandola seduta sul cornicione in lacrime, mentre stringeva un tablet. Impossibile afferrare la ragazza: l’inferriata in mezzo impediva all’agente di raggiungerla. Il poliziotto ha iniziato a parlarle e a tranquillizzarla, distraendola dal pensiero angosciante.

Il poliziotto ha scavalcato il balcone che affacciava sul cornicione

L’altro agente dell’equipaggio, dopo vari tentativi, è riuscito a entrare nell’appartamento e, individuata la stanza dove affacciava il balcone, ha aperto la finestra. Approfittando del dialogo in corso tra la giovane e il collega, il poliziotto ha scavalcato il balcone che affacciava sul cornicione ed è riuscito ad afferrare la donna, mettendola in salvo. Con l’aiuto degli agenti della seconda volante inviata dalla Centrale Operativa della Questura, i poliziotti hanno riportato la donna in casa.

I suoi due coinquilini, chiusi nelle loro stanze, non si erano accorti di nulla

La ragazza ha riferito ai poliziotti di essere caduta in uno stato depressivo a seguito di problemi sentimentali e di avere pensato di compiere un gesto estremo lanciandosi dal balcone dell’appartamento in cui viveva con due connazionali. I due coinquilini, chiusi nelle loro stanze, non si erano accorti di nulla.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente