Giornale dei Navigli > Cronaca > Spara colpi fuori dalla discoteca dopo una rissa: arrestato con due etti di cocaina
Cronaca Naviglio grande Rho e Bollate -

Spara colpi fuori dalla discoteca dopo una rissa: arrestato con due etti di cocaina

Individuato il responsabile grazie alle telecamere e alla testimonianza di alcuni clienti.

spara fuori discoteca

Spara colpi fuori dalla discoteca dopo una rissa: arrestato con due etti di cocaina.

Spara colpi fuori dalla discoteca dopo una rissa: arrestato con due etti di cocaina

RHO – La polizia, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Milano, ha arrestato l’autore dell’esplosione di colpi d’arma da fuoco scoppiati nella notte del 5 luglio scorso, nei pressi della discoteca “Mango club” a Rho, al termine di una rissa scoppiata tra cittadini albanesi. Il locale, a distanza di qualche giorno, era stato chiuso su ordine del Questore di Milano da parte degli agenti del Commissariato Rho/Pero.

Individuato il responsabile grazie alle telecamere

Le telecamere del circuito di videosorveglianza del locale e le testimonianze di alcuni clienti sono risultate preziose agli investigatori della 2^ sezione della Squadra Mobile di Milano che, dopo un’accurata attività investigativa, hanno chiuso il cerchio attorno al 32enne cittadino albanese Vilson Mirashi detto “Vili”, ritenuto responsabile dell’esplosione del colpo di pistola. Il bossolo dell’arma, un calibro 7.65, era stato trovato la sera stessa dai poliziotti intervenuti sul posto.

Due etti di cocaina

L’uomo è risultato anche coinvolto in un traffico di sostanze stupefacenti e per questo, il 24 luglio 2020, è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile: dopo un breve inseguimento per le vie di Bollate e Baranzate, i poliziotti lo hanno controllato e sottoposto a perquisizione personale. L’ausilio delle unità cinofile ha consentito agli agenti di trovare e sequestrare a suo carico quasi due etti di cocaina pura.

La pistola era stata rubata in provincia di piacenza

Ulteriori approfondimenti investigativi, coordinati dal pm Roberto Fontana, hanno permesso alla Squadra Mobile di ritrovare e sequestrare l’arma con cui aveva sparato dopo la lite in discoteca a Rho. La pistola, risultata rubata a marzo in un’abitazione in provincia di Piacenza, è stata ritrovata all’interno del cassone della finestra del bagno, nell’appartamento dell’uomo a Baranzate.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia! Protesta studenti Falcone Righi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente