Giornale dei Navigli > Cronaca > Spacciatore ignora l’alt dei poliziotti, inizia un lungo inseguimento
Cronaca Corsico -

Spacciatore ignora l’alt dei poliziotti, inizia un lungo inseguimento

Dalla periferia verso il centro città, terminato in piazzale Loreto, all’incrocio con Corso Buenos Aires.

Spacciatore ignora alt poliziotti

Spacciatore ignora l’alt dei poliziotti, inizia un lungo inseguimento.

Spacciatore ignora l’alt dei poliziotti, inizia un lungo inseguimento

MILANO – Dovrà rispondere dell’accusa di resistenza e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente l’italiano di 37 anni arrestato nella notte tra giovedì e venerdì dalla polizia.

L’episodio

Intorno alle 3.20, gli agenti della volante del Commissariato Comasina, durante il servizio di prevenzione e controllo del territorio, mentre percorrevano viale Certosa, hanno notato una macchina che viaggiava a velocità sostenuta. I poliziotti hanno quindi deciso di fermare l’auto, ma il conducente non si è fermato all’alt, anzi, ha ingranato la marcia e ha schiacciato il piede sull’acceleratore.

Lungo inseguimento dalla periferia verso il centro città

Ne è nato un lunghissimo inseguimento dalla periferia verso il centro città, terminato in piazzale Loreto, all’incrocio con Corso Buenos Aires, anche grazie all’arrivo di altre volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale, inviate in ausilio dalla Centrale Operativa. Durante l’inseguimento, l’uomo al volante si è disfatto degli involucri di droga lanciandoli dal finestrino. Bloccato, è stato trovato in possesso di 1.235 euro in contanti, due telefoni cellulari e un mazzo di chiavi.

La ricostruzione della polizia

I poliziotti hanno poi ricostruito che il 37enne, circa un’ora prima, era stato già controllato in via Gallarate dalla volante del Commissariato Quarto Oggiaro, ma non  aveva con sé alcuna somma di denaro, mentre poco dopo non ha saputo giustificarne il possesso. Inoltre, durante la perquisizione nella sua abitazione, sono stati trovati all’interno di un mobile della cucina 11 involucri di cocaina per un peso di circa 7,6 grammi, dentro la cappa d’aspirazione della cucina altri 64 grammi di cocaina e un bilancino di precisione e nella camera da letto 3.110 euro in contanti.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente