Giornale dei Navigli > Cronaca > Si spacciano per operatrici sanitarie del Comune per derubare gli anziani: tre donne arrestate VIDEO
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Si spacciano per operatrici sanitarie del Comune per derubare gli anziani: tre donne arrestate VIDEO

Le misure cautelari sono state notificate presso un campo nomadi in provincia di Vercelli.

Si spacciano per operatrici sanitarie

Si spacciano per operatrici sanitarie del Comune per derubare gli anziani: tre donne arrestate.

Si spacciano per operatrici sanitarie del Comune per derubare gli anziani: tre donne arrestate

MILANO – La tecnica, ben collaudata, era sempre la stessa: le tre donne si spacciavano per operatrici degli uffici tecnici del Comune, bussavano alle porte degli anziani, si facevano aprire e dicevano di essere state mandate proprio dal Comune per controllare tutte le eventuali terapie di farmaci che i pensionati dovevano seguire. Poi, approfittavano di un istante di distrazione degli anziani per portare via tutti i gioielli e il denaro.

Operazione congiunta delle forze dell’ordine

A mettere fine al raggiro, ci hanno pensato le forze dell’ordine intervenute per arrestare il gruppo criminale. In campo, il personale delle aliquote Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Locale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Milano che ha proceduto a eseguire, nelle province di Vercelli e di Novara, con l’ausilio in fase di esecuzione di personale della Squadra Mobile di Vercelli e del Comando Provinciale Carabinieri di Novara, un’ordinanza applicativa di misure cautelari in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Milano Tiziana Gueli.

Le accuse

Le accuse sono di furto in abitazione aggravato e di sostituzione di persona. Le tre donne responsabili dei raggiri hanno messo a segno diversi furti in abitazione, sempre con lo stesso metodo di spacciarsi per operatrici del Comune e di promettere un’esenzione dal pagamento del ticket sanitario per i farmaci. Gli episodi sono stati molteplici, a partire da inizio 2018. L’indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore Paola Pirotta, è stata portata a termine dal Pool Antitruffe della Procura della Repubblica, da tempo impegnato nell’attività di contrasto ai reati contro il patrimonio in danno di anziani.

Misure cautelari notificate presso un campo nomadi in provincia di Vercelli

Per l’esecuzione delle misure cautelari in carcere si è reso necessario accedere al campo nomadi di Ghislarengo (Vercelli). L’accesso è stato possibile grazie al supporto della Questura di Vercelli.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente