Giornale dei Navigli > Cronaca > Sfondano il casello per un inseguimento da film sulla A4
Cronaca Naviglio grande -

Sfondano il casello per un inseguimento da film sulla A4

I tre milanesi, due adulti e un minorenne, dopo il furto a Urago (BS) sono stati inseguiti fino a Bergamo.

inseguimento da film A4

Sfondano il casello per un inseguimento da film sulla A4.

Sfondano il casello per un inseguimento da film sulla A4

Il fatto è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri: da Urago a Bergamo, passando per Palazzolo. Un inseguimento come in un film d’azione.

Fuga spericolata in autostrada dopo il furto: arrestate tre persone

Provenivano dal milanese ed erano in trasferta per mettere a segno un furto. Protagonisti tre sinti, un uomo, una donna e un ragazzo minorenne: una famiglia. A Urago hanno messo a segno il colpo, rubando da un furgone degli attrezzi edili.

La dinamica dell’inseguimento

Come riportano i nostri colleghi di bresciasettegiorni.it, i tre, a bordo di una Opel Meriva, sono scappati a tutta velocità verso Palazzolo e qui sono stati beccati dalle telecamere situate agli ingressi della città. Gli agenti della Polizia Locale, guidati dal comandante Claudio Modina, si sono lanciati al loro inseguimento. I delinquenti sono passati per Castelli Calepio e, dopo aver sfondato la sbarra del casello a Ponte Oglio, hanno preso la A4 in direzione di Milano.

La refurtiva contro gli agenti

Dalla macchina i tre hanno lanciato intenzionalmente parte della refurtiva contro l’auto della Polizia Locale, causando anche danni al veicolo. I delinquenti hanno forzato il casello anche a Bergamo, ma dopo un incidente (andando verso Stezzano) i tre si sono separati e sono scappati a piedi. I vigili hanno arrestato l’uomo, che era alla guida dell’auto, mentre la Polstrada gli altri due. Si è poi scoperto che queste tre persone erano le stesse che pochi giorni fa erano state fermate a Palazzolo dalla Polizia Locale perché viaggiavano a bordo di un’auto radiata. Operazione resa possibile ancora grazie al sistema di videosorveglianza e lettura targhe del Comune di Palazzolo.

L’arresto e il carcere

Il minorenne è stato portato in una struttura a Brescia, mentre l’uomo e la donna in carcere a Bergamo. Tutti e tre sono finiti in manette per rapina impropria (furto che si è trasformato in rapina impropria proprio per la resistenza) e anche omissione di soccorso per aver causato un incidente. L’uomo è finito nei guai anche perché guidava senza patente e per essere evaso da una struttura in cui si trovava.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente