Giornale dei Navigli > Cronaca > Seicento sindaci a Milano a sostegno di Liliana Segre e contro l’odio VIDEO
Cronaca Naviglio grande -

Seicento sindaci a Milano a sostegno di Liliana Segre e contro l’odio VIDEO

Liliana Segre: “Lasciamo l’odio agli anonimi della tastiera. Siamo qui per parlare di amore".

liliana segre

Seicento sindaci a Milano a sostegno di Liliana Segre e contro l’odio.

Seicento sindaci a Milano a sostegno di Liliana Segre e contro l’odio

MILANO – Un esercito di 600 sindaci da tutta Italia hanno risposto all’appello di Beppe Sala, primo cittadino di Milano, che ha voluto organizzare una manifestazione in Duomo a sostegno della senatrice Liliana Segre e più in generale contro l’odio.

Le parole di Liliana Segre

“Lasciamo l’odio agli anonimi della tastiera. Siamo qui per parlare di amore. C’è una grande musica in questa piazza, il tempio della musica è all’aperto. Voi avete una missione difficile – si è rivolta ai sindaci la senatrice sopravvissuta all’Olocausto – e apprezzo tantissimo che per qualche ora abbiate voluto lasciare i vostri compiti per questa occasione. Il vostro impegno può essere decisivo per la trasmissione della memoria”, ha ribadito sul palco la senatrice, presa di mira da attacchi e minacce sul web e per questo finita sotto scorta.

“L’odio non ha futuro”

E’ stato lo slogan della marcia, guidata da Sala. I rappresentanti di centinaia di comuni in Italia hanno riempito Galleria Vittorio Emanuele, tra cui i sindaci di Pesaro Matteo Ricci (organizzatore insieme al primo cittadino meneghino, al fianco della senatrice, presa per mano dai due primi cittadini), di Bergamo Giorgio Gori, di Bologna Virginio Merola, di Firenze Dario Nardella, di Palermo Leoluca Orlando, di Torino Chiara Appendino. Sulle note di Bella ciao e i cori “Liliana, Liliana” i sindaci hanno attraversato la Galleria, prima di ascoltare le parole della senatrice. Segre ci ha tenuto a ringraziare “i miei amici Giusepe Sala, Matteo Ricci, il presidente di Anci Antonio Decaro e i seicento, forse mille sindaci che hanno voluto esserci”. Sala ha sottolineato il momento storico “non facile”, riferendosi al pericolo di un razzismo e una discriminazione sempre più attuale. Il primo cittadino ha anche evidenziato il lato positivo della manifestazione: l’esercito di rappresentanti di centinaia di città in Italia schierati contro l’odio, indipendentemente dal colore politico di chi ha partecipato.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente