Menu
Cerca

Rubate le statue dal presepe di Corsico, Cesano e Trezzano: “Gesti senza senso, vigliacchi”

Nella notte, un altro atto di vandalismo e furto senza senso, questa volta nella parrocchia di San Lorenzo.

Rubate le statue dal presepe di Corsico, Cesano e Trezzano: “Gesti senza senso, vigliacchi”
Cronaca 26 Dicembre 2020 ore 14:42

Rubate le statue dal presepe di Corsico, Cesano e Trezzano: “Gesti senza senso, vigliacchi”.

Rubate le statue dal presepe di Corsico, Cesano e Trezzano: “Gesti senza senso, vigliacchi”

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Era successo già a Corsico, ora anche a Cesano e a Trezzano. Non ci sono parole per atti vandalici mirati a distruggere i presepi dei territori. In quello allestito a Cesano, sono state rubate le statuine che decoravano l’allestimento al Quartiere Giardino, tra via Acacie e via Betulle, di fronte al supermercato.

Un furto senza senso

I responsabili hanno portato via le statue di Gesù Bambino e della Madonna. “Inqualificabili, pezzenti, senza dignità”, il tenore dei commenti sui social. “Speriamo che le telecamere del supermercato lì vicino abbiano ripreso tutto”, scrivono gli utenti. La stessa speranza che si condivide a Corsico, dove settimana scorsa, in due riprese, sono state rubate tutte le statuine dal presepe allestito davanti alla chiesa di San Pietro e Paolo. A nulla sono serviti gli appelli per convincere gli incivili a restituire il bottino di un insensato vandalismo: il sindaco Stefano Ventura aveva chiesto ai responsabili di ripensare al gesto vigliacco, così come Donatella, moglie dell’alpino Francesco che aveva realizzato il presepe con cura e passione, donandolo a città. Un gesto reso ancora più miserabile dal fatto che Francesco è purtroppo scomparso di recente e il presepe degli alpini, come è stato ribattezzato, ha acquisito ancora più valore affettivo. Ma non è tutto.

L’ultima episodio a Trezzano la scorsa notte

Nella notte, un altro atto di vandalismo e furto senza senso, questa volta nella parrocchia di San Lorenzo. Anche in questo caso, è stato preso di mira il presepe della chiesa.

“In questa giornata di sole e di festa dove celebriamo Santo Stefano – ha detto don Paolo della parrocchia di San Lorenzo –, ci siamo svegliati con una brutta sorpresa. Ieri avevamo messo delle lampade e parecchie erano state rubate. Questa mattina, il presepe della Tenda della solidarietà è stato vandalizzato e hanno rubato le statue. La cosa mi fa riflettere: che senso ha? Erano statue di compensato, decorate ma soprattutto con grande significato. Desidero condividere questi attimi con voi, chiedendovi un momento di riflessione. Ora credo che Gesù ci stia chiedendo di essere noi quelle statue, soprattutto in questo momento. Proviamo a fare qualche piccola azione buona. Non vuole essere una denuncia, ma un momento di riflessione – ancora il parroco –. In queste ceste continuiamo a raccogliere giochi, materiale scolastico e soprattutto un pensiero buono”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli