Giornale dei Navigli > Cronaca > Ladri rubano catalizzatore al furgone della onlus La Speranza
Cronaca Corsico -

Ladri rubano catalizzatore al furgone della onlus La Speranza

E' questo il momento per dare loro una mano, affinché possano continuare ad aiutare chi ha più bisogno.

la speranza onlus

Ladri rubano catalizzatore al furgone della onlus La Speranza.

Ladri rubano catalizzatore al furgone della onlus La Speranza

«Come se non bastasse, dopo lo sfratto, anche i ladri e i vandali ci si mettono». È tanto lo sconforto dei volontari dell’associazione La Speranza che questa mattina hanno trovato il furgone senza il catalizzatore, rubato nella notte.

Il furto nel parcheggio dell’oratorio

I ladri si sono introdotti nel parcheggio dell’oratorio, dove c’è sempre il mezzo che la onlus utilizza per consegnare i pacchi alimentari e ritirare i prodotti da supermercati e associazioni da distribuire alle famiglie bisognose. Poi hanno aperto il cofano e portato via il dispositivo anti inquinamento, senza il quale il furgone è fermo, inutilizzabile.

Aiutare chi aiuta: l’appello

“Altre spese bussano alla nostra porta”, allargano le braccia i volontari che aiutano ogni giorno circa 200 famiglie, mille persone, di cui oltre 200 minori. Un danno enorme per una onlus: circa mille euro per rimettere a posto il dispositivo. Dopo aver cambiato sede, in seguito alla scadenza del contratto non rinnovato dal Comune, per i volontari non c’è ancora pace. Ed è questo il momento per dare loro una mano, affinché possano continuare ad aiutare chi ha più bisogno. “La raccolta fondi continua, abbiamo bisogno di tutti voi”, lanciano l’appello dalla Speranza. Per chi vuole dare anche solo un piccolo contributo: IBAN IT69B0503433031000000017942.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente