Giornale dei Navigli > Cronaca > Ruba tre calici, uno appartenuto a Giovanni Paolo II: arrestato
Cronaca Naviglio grande -

Ruba tre calici, uno appartenuto a Giovanni Paolo II: arrestato

Il 36enne aveva rubato i preziosi calici dal Santuario San Camillo de Lellis di via Mauro Macchi.

Ruba tre calici arrestato

Ruba tre calici, uno appartenuto a Giovanni Paolo II: arrestato.

Ruba tre calici, uno appartenuto a Giovanni Paolo II: arrestato

MILANO – Era già noto per altri furti, ma non si era mai spinto a trafugare reliquie da un santuario. È successo ieri pomeriggio, quando il 36enne italiano, già noto per altri furti, è stato arrestato dagli agenti di una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

I poliziotti lo hanno notato in piazza Duca D’Aosta

Durante il servizio di pattugliamento del territorio, in piazza Duca D’Aosta, i poliziotti hanno notato il 36enne a cui, il giorno prima, un altro equipaggio aveva notificato un provvedimento di divieto di ritorno nel Comune di Milano per la durata di tre anni. Appena ha visto i poliziotti, l’uomo ha cambiato direzione per sfuggire al controllo, ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo.

Aveva i tre calici in oro e argento nello zaino

All’interno dello zaino, nascondeva tre calici in oro e argento: arredi sacri utilizzati nella celebrazione della messa. Il 36enne aveva rubato i preziosi calici dal Santuario San Camillo de Lellis di via Mauro Macchi.

Un calice era appartenuto a Papa Giovanni Paolo II

Uno degli oggetti era una sorta di reliquia, in quanto era appartenuto a Papa Giovanni Paolo II, pontefice divenuto santo, e poi donato all’Ordine Camilliano.

Le indagini

Ruba tre calici arrestato

Le indagini degli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno appurato che poco prima l’uomo si era introdotto nel Santuario, dove il sacrestano lo aveva visto armeggiare con una cassetta delle offerte, senza però riuscire ad aprirla, per poi allontanarsi subito dopo. L’uomo è stato arrestato per furto aggravato e denunciato per la violazione del divieto di ritorno nel Comune di Milano. I calici e la reliquia sono stati restituiti al rettore del Santuario, che ha sporto denuncia in Questura.

Ruba tre calici arrestato

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente