Giornale dei Navigli > Cronaca > Rogo alla colonia felina: distrutti i rifugi dei gatti
Cronaca Naviglio grande -

Rogo alla colonia felina: distrutti i rifugi dei gatti

I gatti stanno tutti bene, sono molto spaventati ma nessuno in pericolo.

incendio gattile

Rogo alla colonia felina: distrutti i rifugi dei gatti

Rogo alla colonia felina: distrutti i rifugi dei gatti

MILANO – La denuncia è arrivata dal capogruppo di Forza Italia in Regione, Gianluca Comazzi: “A Milano dei balordi senz’anima hanno appiccato un incendio nella colonia felina di via Rizzoli, mandando in fumo le cucce e i rifugi dei gatti. Solidarietà ai volontari, che ho contattato e che hanno già sporto denuncia alle autorità. Farò di tutto per individuare questi delinquenti”.

L’episodio

Nella colonia felina di via Rizzoli, in zona Cascina Gobba, sono divampate ieri le fiamme che hanno distrutto i rifugi dei gatti randagi. Dalla colonia raccontano che “i gatti stanno tutti bene, sono molto spaventati ma nessuno in pericolo, sono riusciti a scappare e mettersi in salvo. Abbiamo ricevuto tantissima solidarietà che ci sta aiutando a passare questo difficilissimo momento.

I volontari

Siamo tristi e spiazzati. Ci rimboccheremo le maniche per riparare il tetto e i danni e con aiuto e generosità riusciremo a sistemare tutto”. E ancora: “Se volevano farci del male ci sono riusciti. Sembra tutto così assurdo, trovare tutto in polvere, bruciato. Ma non ci fermeremo: abbiamo fatto denuncia e prima o poi li beccheremo”. I volontari specificano anche che non avevano mai ricevuto “minacce o intimidazioni”, quindi si avvicina l’ipotesi di un atto vandalico che dovrà trovare conferma nella relazione delle forze dell’ordine, già al lavoro per ricostruire la vicenda e individuare i responsabili.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente