Ritardi degli spazzaneve a Pieve, il sindaco: “Sono furioso, chiederemo i danni”

"Nonostante lo scarso movimento di mezzi e persone - vista le limitazioni da “zona arancione” - i disagi sono stati parecchi e pesanti".

Ritardi degli spazzaneve a Pieve, il sindaco: “Sono furioso, chiederemo i danni”
Cronaca 29 Dicembre 2020 ore 09:00

Ritardi degli spazzaneve a Pieve, il sindaco: “Sono furioso, chiederemo i danni”.

Ritardi degli spazzaneve a Pieve, il sindaco: “Sono furioso, chiederemo i danni”

PIEVE EMANUELE – “È inutile nasconderci dietro un dito e lo è anche vedere chi dei nostri vicini di casa ha fatto meglio o peggio: Pieve Emanuele era inondata di neve e non avrebbe dovuto esserlo e sono furioso per questo”.

Pesanti disagi

Così ha commentato il sindaco Paolo Festa la situazione di grave difficoltà che si è creata ieri mattina quando, dopo una copiosa e annunciata nevicata nella notte proseguita fino alle 11 circa, il paese si è svegliato con le strade coperte da 20 centimetri di neve. Nonostante lo scarso movimento di mezzi e persone – vista le limitazioni da “zona arancione” in vigore, la chiusura delle scuole, i tanti lavoratori in smart working e il periodo per molti di vacanze – i disagi sono stati parecchi e pesanti: un autobus pubblico quasi finito nel fossato in via Fizzonasco, diversi camion in forte difficoltà in zona via delle Rose, pedoni che camminavano in mezzo alla strada, piante cadute sui marciapiedi.

“I mezzi sono arrivati solo a partire dalle 10”

“Eppure ieri sera i mezzi spargisale erano prontamente entrati in azione, al fine di prevenire il depositarsi dei primi fiocchi e le gelate notturne. I mezzi spalaneve, dotati di lame, avrebbero dovuto essere a Pieve a partire dalle 6 di questa mattina – spiegano dal Comune –: il Responsabile del piano anti neve del comune aveva avuto rassicurazioni sulla regolare entrata in servizio dei mezzi sul nostro territorio in una telefonata di sollecito fatta alle 5.30, ma la verità è che i mezzi sono arrivati alla spicciolata solo a partire dalle 10. Solo dalle 15 in poi sono arrivati 6 mezzi sul territorio, due a Fizzonasco, due in via dei Pini, ex Incis e Coppi, uno a Pieve Vecchio e uno in via delle Rose”.

“Valuteremo se richiedere i danni”

Il sindaco prosegue: “Per tutto il giorno abbiamo fatto i salti mortali per riparare dove l’azienda appaltante ha fallito: un grazie alla Protezione Civile, che ancora una volta si è rivelata preziosa, e alla nostra Polizia Locale. Naturalmente verranno messe in atto tutte le procedure possibili per fare in modo che il mancato servizio non gravi in alcun modo sulle casse del comune e, anzi, valuteremo se chiedere i danni. Ci tengo a ricordare – prosegue Festa – che la ditta incaricata non viene scelta a piacimento dal Comune, ma vince una gara attraverso un procedimento pubblico: nella gara sono specificate, oltre al compenso a disposizione, anche le condizioni richieste. Nel nostro caso queste ultime erano chiarissime e avrebbero garantito il servizio, ma purtroppo non sono state rispettate. Intanto – conclude Festa – non posso che scusarmi con i cittadini che questa mattina hanno avuto problemi sulle strade e dire loro che ne condivido l’indignazione”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste