Cronaca
A MILANO

Rapinano turisti strappando orologi e collane: arrestati dai carabinieri

Tutti in Italia senza fissa dimora e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio

Rapinano turisti strappando orologi e collane: arrestati dai carabinieri
Cronaca Naviglio grande, 19 Ottobre 2022 ore 09:59

MILANO –Devono rispondere dell’accusa di rapina i tre ragazzi arrestati ieri sera a Milano dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Duomo.

Gli arresti

Si tratta di un 24enne marocchino, un 18enne libanese e un altro giovane marocchino risultato almeno 19enne dall'esame auxologico ma che si era dichiarato sedicenne, tutti in Italia senza fissa dimora e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. Ieri, inoltre, è stato segnalato per rapina anche un 12enne marocchino, noto alle forze dell'ordine per aver commesso altri reati nei giorni scorsi. I carabinieri, impegnati in servizi preventivi, stavano controllando piazza Duca D'Aosta quando hanno notato i due maggiorenni marocchini che dopo essersi avvicinati a un turista indiano di 36 anni lo hanno afferrato per una gamba, strappandogli dal collo la collana d'oro che indossava, del valore di circa 3mila euro.

L'azione dei carabinieri

Ne è nata una colluttazione e la vittima è riuscita a riprendersi la collana, mentre i rapinatori sono stati bloccati dai carabinieri. Nello stesso contesto, i militari hanno fermato anche il libanese e il minore, i quali, dopo aver strappato un orologio del valore di circa 300 euro dal polso di un turista malesiano di 39 anni, lo hanno spintonato facendolo cadere a terra. I due sono stati subito bloccati dai carabinieri che erano impegnati a identificare gli altri rapinatori.

I provvedimenti

Giunti in caserma, il 24enne marocchino ha accusato un malore e difficoltà respiratorie ed è stato trasportato in codice verde al pronto soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli da dove è stato dimesso senza giorni di prognosi per intossicazione da benzodiazepina e cocaina. Gli arrestati sono stati portati a San Vittore, mentre il minorenne è stato affidato a un Centro Servizi minori non accompagnati di Milano.

Seguici sui nostri canali