Giornale dei Navigli > Cronaca > Rapina con una pistola finta i fattorini che consegnano le pizze
Cronaca Naviglio grande -

Rapina con una pistola finta i fattorini che consegnano le pizze

"Mi servivano i soldi della droga e mi era venuta fame", ha spiegato agli agenti.

Rapina fattorini pizza

Rapina con una pistola finta i fattorini che consegnano le pizze.

Rapina con una pistola finta i fattorini che consegnano le pizze

MILANO – Chiamava, con cellulari diversi, le pizzerie della zona per la consegna a domicilio. Poi, attendeva i fattorini e li minacciava, facendosi consegnare le pizze e i soldi che avevano raccolto durante la serata di lavoro.

Le minacce con la pistola

Il rapinatore è un ragazzo di 22 anni, arrestato dai poliziotti del Commissariato Comasina che erano sulle sue tracce dopo le diverse segnalazioni ricevute dai fattorini e dai proprietari dei locali. L’ultima delle rapine è avvenuta qualche giorno fa: il ragazzo, dopo essersi appropriato del cellulare di un vicino di casa, ha contattato una pizzeria della zona ordinando due pizze. All’arrivo del fattorino in motorino per la consegna, lo ha minacciato con una pistola che poi si è rivelata finta e si è fatto consegnare le pizze e la somma di denaro che il corriere aveva in tasca.

Arrestato dagli agenti del Commissariato Comasina

La Squadra Reati contro il patrimonio del Commissariato Comasina, ricevuta la denuncia del pizzaiolo, grazie anche alle immagini registrate dalle telecamere comunali, ha riconosciuto il rapinatore e lo ha arrestato. Il ragazzo, con precedenti per reati contro il patrimonio, ha ammesso tutto, rivelando di aver commesso la rapina di denaro e pizze al fine di procurarsi denaro per acquistare droga e “perché mi era venuta fame”, ha detto agli agenti.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente