Rapina la farmacia e ruba il telefono alle commesse: tradito da una chiamata

Dopo la rapina la fuga in sella a delle biciclette in direzione di via Cassinis.

Rapina la farmacia e ruba il telefono alle commesse: tradito da una chiamata
Cronaca 14 Dicembre 2020 ore 16:42

Rapina la farmacia e ruba il telefono alle commesse: tradito da una chiamata.

Rapina la farmacia e ruba il telefono alle commesse: tradito da una chiamata

MILANO – La segnalazione è arrivata il 9 dicembre, quando le commesse della farmacia di via Marochetti hanno chiamato le forze dell’ordine per denunciare una rapina.

La rapina nella farmacia di via Marochetti

Rapina la farmacia

Due uomini, di origine nordafricana secondo la descrizione, hanno fatto irruzione nel negozio con i volti nascosti da mascherine e cappucci. Dopo aver minacciato le lavoratrici, simulando di avere in tasca un’arma e intimando loro di rimanere immobili per evitare gravi conseguenze, hanno prelevato circa 200 euro dalla cassa e due telefoni delle commesse, per poi darsi alle fuga in sella a delle biciclette in direzione di via Cassinis.

Rapina la farmacia

I carabinieri rintracciano i rapinatori poco dopo

La dettagliata descrizione fornita dalle vittime e le serrate ricerche in zona, hanno consentito a un equipaggio della Compagnia Milano Porta Monforte di rintracciare, dopo pochi minuti, nei pressi della Stazione di Milano Rogoredo, un cittadino nordafricano che, per tratti somatici e tipologia di abbigliamento, corrispondeva a uno dei malviventi. Appena ha visto i militari, ha cercato di scappare in bici ma i carabinieri sono riusciti a fermarlo. Sottoposto subito a perquisizione personale, aveva in tasca 125 euro e un cellulare. I carabinieri hanno quindi chiesto alle farmaciste di chiamare i propri numeri e il telefono in tasca del fermato ha squillato, inchiodandolo.

Arrestato uno dei due rapinatori, si cerca ancora l'altro

L’uomo, un 23enne marocchino, irregolare e con precedenti di polizia per reati contro il patrimoni, è stato arrestato per il reato di rapina aggravata in concorso. Portato nel carcere di San Vittore, è stato trattenuto in custodia cautelare in carcere su disposizione del giudice in seguito all’udienza. La refurtiva è stata invece restituita ai proprietari. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi volti a identificare il secondo rapinatore e a valutare ulteriori colpi messi a segno.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!