Menu
Cerca

Quanto è inquinata l’aria che respiriamo? Lo svela Retake Buccinasco

I Retaker aderiscono così alla campagna promossa dall’associazione Cittadini per l’Aria onlus

Quanto è inquinata l’aria che respiriamo? Lo svela Retake Buccinasco
Cronaca 04 Febbraio 2018 ore 09:42

Quanto biossido di azoto respiriamo ogni giorno? Se lo chiede uno dei creatori di Retake, l’azione cittadina civica che vuole salvare il territorio dai vandali e dagli imbrattatori seriali. “Da oggi, per i prossimi 30 giorni, proveremo a misurare i livelli del pericoloso inquinante”, spiega Lorenzo Ciociola di Retake Buccinasco.

L’obiettivo delle misurazioni?

Creare una mappa dei veleni, condividerne dati e informazioni e “promuovere poi comportamenti virtuosi, per proporre strategie e soluzioni efficaci, sollecitando le amministrazioni e le imprese a cambiare davvero”. I Retaker aderiscono così alla campagna promossa dall’associazione Cittadini per l’Aria onlus che ha come obiettivo la creazione di una rete di comportamenti virtuosi e di energie per migliorare la qualità dell’aria in tutta Italia.

I Retaker, così, si dimostrano attenti al territorio sotto ogni aspetto. Non solo cura dell’ambiente e dell’aria che respiriamo, ma anche del decoro urbano. Ormai sono celebri le “incursioni” dei cittadini attivi che, mano alle vernici (grazie anche alla generosità di commercianti locali, come la carrozzeria Dammico o il colorificio Marini che gliele donano), danno nuovo volto alle pareti e ai segnali stradali imbrattati dai vandali.

Verso l’evento del 3 marzo

Chiunque può prendere parte al gruppo, che si sta già preparando per il mega evento in programma per il 3 marzo: lo spazio verde della nuova sede della Protezione civile di via degli Alpini avrà un bosco di cento alberi. I Retaker chiedono aiuto a chi non teme di sporcarsi le mani per una buona causa: “La vuoi piantare?” è lo slogan dell’iniziativa. Per info, basta consultare la pagina Facebook Retake Buccinasco. Ah, le pale per piantare i cento alberelli le porta il Comune.

Francesca Grillo