Giornale dei Navigli > Cronaca > Prende in ostaggio guardia giurata in Duomo sotto minaccia di un coltello VIDEO
Cronaca Naviglio grande -

Prende in ostaggio guardia giurata in Duomo sotto minaccia di un coltello VIDEO

I poliziotti hanno approfittato di un attimo di distrazione per bloccarlo.

ostaggio guardia giurata

Prende in ostaggio guardia giurata in Duomo sotto minaccia di un coltello

Prende in ostaggio guardia giurata in Duomo sotto minaccia di un coltello

MILANO – È riuscito a entrare nel Duomo di Milano armato di coltello. Poi lo ha puntato verso una guardia giurata al lavoro all’interno della cattedrale e l’ha preso in ostaggio.

L’intervento della polizia

Immediato l’intervento dei poliziotti della Questura e di mediatori che sono riusciti a bloccare l’uomo prima che potesse accadere qualcosa di tragico. Secondo le primissime informazioni, l’uomo, di origine nordafricana, intorno alle 13, ha tentato di scappare a un controllo della polizia, introducendosi di corsa nel Duomo, buttando per terra una guardia all’entrata. Poi ha raggiunto un secondo vigilantes che ha provato a fermarlo ma in risposta ha estratto un coltello e ha minacciato la guardia giurata, costringendolo a mettersi in ginocchio.

Il fermo

Dopo alcuni minuti di trattative, i poliziotti hanno approfittato di un attimo di distrazione per bloccarlo. Saranno gli agenti della Questura a fare luce su ogni dettaglio della vicenda, a partire dall’identità dell’uomo e dal motivo che l’ha spinto a fuggire al controllo e a prendere in ostaggio uno dei lavoratori in Duomo, seminando il panico in centro. La Digos è ora impegnata con l’interrogatorio dell’uomo e la raccolta delle testimonianze. Per fortuna, le guardie giurate non hanno riportato gravi lesioni.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente