Giornale dei Navigli > Cronaca > Pio Albergo Trivulzio, indagato il direttore generale per epidemia colposa
Cronaca Naviglio grande -

Pio Albergo Trivulzio, indagato il direttore generale per epidemia colposa

La procura sta indagando anche su altri casi e gestioni di rsa, a seguito di denunce e segnalazioni di lavoratori e famigliari.

trivulzio indagato direttore

Pio Albergo Trivulzio, indagato il direttore generale per epidemia colposa.

Pio Albergo Trivulzio, indagato il direttore generale per epidemia colposa

MILANO – La procura di Milano ha aperto un fascicolo sul caso del Pio Albergo Trivulzio. Il direttore generale dell’istituto, Giuseppe Calicchio, risulta indagato per le ipotesi di reato di epidemia colposa e omicidio colposo.

 

Le indagini dovranno fare luce sulla gestione del Pat (dove sono stati registrati 100 decessi) e sulle “morti sospette” da inizio emergenza coronavirus. Un atto dovuto, quello di iscrivere al registro degli indagati il direttore generale: un passaggio tecnico nell’iter della magistratura per fare luce sulla gestione della casa di riposo.

Anche altre rsa sotto indagine

La procura sta indagando anche su altri casi e gestioni di rsa, a seguito di denunce e segnalazioni di lavoratori e famigliari. Secondo le accuse, in alcune strutture ci sarebbero stati problemi nell’organizzazione dell’emergenza e nella comunicazione dei decessi. Punto su cui fare luce: anche i racconti di alcuni dipendenti che hanno riferito di non aver avuto il permesso di utilizzare i dispositivi di protezione personale. Un’accusa su cui le indagini dovranno avviare tutte le dovute verifiche.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente