Giornale dei Navigli > Cronaca > Picchia e violenta la compagna, pena ridotta perché “donna troppo disinvolta”
Cronaca Naviglio grande -

Picchia e violenta la compagna, pena ridotta perché “donna troppo disinvolta”

Lo ha stabilito la Corte d'Appello che ha motivato la sentenza considerando "l'esasperazione dell'uomo per i tradimenti della compagna".

Picchia e violenta compagna

Picchia e violenta la compagna, pena ridotta perché “donna troppo disinvolta”.

Picchia e violenta la compagna, pena ridotta perché “donna troppo disinvolta”

MILANO – Pena ridotta perché l’uomo era “esasperato dai tradimenti della compagna e dal suo comportamento troppo disinvolto”. È la motivazione della Corte d’Appello di Milano che ha ridotto la pena al 63enne romeno responsabile nel 2019 a Vimercate di aver aggredito la compagna, una connazionale di 43 anni, e di averla sequestrata all’interno della roulotte dove convivevano.

La drammatica notte della donna

La storia è raccontata oggi sulle pagine del Corriere della Sera che ripercorre la vicenda iniziata lo scorso anno, quando la donna era stata presa a pugni, picchiata con diversi oggetti, minacciata con un coltello e massacrata di botte prima della violenza sessuale. Una notte drammatica per la donna, costretta a subire violenze fino al mattino dopo.

Pena ridotta da 5 anni a 4 anni e 4 mesi

Reati per i quali l’uomo era stato condannato in rito abbreviato a 5 anni, ma ora la Corte d’Appello riduce a 4 anni e 4 mesi la pena perché ha tenuto in considerazione “l’esasperazione dell’uomo per i continui tradimenti e l’atteggiamento disinvolto della compagna”. Per i giudici l’uomo è “un soggetto mite che aveva subito le azioni della donna passivamente fino a quel momento. Questo non attenua certo la responsabilità, ma è tuttavia indice di una più scarsa intensità del dolo”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente