Giornale dei Navigli > Cronaca > Picchia e minaccia la madre per farsi dare i soldi: arrestato dai carabinieri
Cronaca Corsico -

Picchia e minaccia la madre per farsi dare i soldi: arrestato dai carabinieri

I militari sono intervenuti a seguito di una segnalazione di lite violenta

picchia madre

Picchia e minaccia la madre per farsi dare i soldi: arrestato dai carabinieri.

Picchia e minaccia la madre per farsi dare i soldi: arrestato dai carabinieri

CORSICO – Ancora un caso di maltrattamenti in famiglia.

La vicenda

E ancora una volta sono i carabinieri della Compagnia di Corsico a liberare dall’incubo una mamma, costretta a botte e minacce dal figlio, un uomo di 56 anni che non aveva scrupoli a picchiare, insultare e intimidire l’anziana mamma per ottenere il denaro. L’uomo era già sottoposto al divieto di avvicinamento alla madre ed è ora accusato di tentata estorsione e di violazione del provvedimento.

L’intervento delle forze dell’ordine

I carabinieri, intervenuti dopo la segnalazione di una violenta lite, si sono precipitati nell’appartamento della donna, trovando il figlio in completo stato di agitazione mentre inveiva con violenza contro la madre. Gli accertamenti hanno fatto luce sulla vicenda, portando in superficie comportamenti e paure che duravano da anni. L’uomo, infatti, si era già reso responsabile di botte e minacce nei confronti della mamma, arrivando a dirle “ti lancio dal balcone” per farsi consegnare i soldi.

L’arresto

Quando i militari lo hanno bloccato, aveva appena ricevuto il rifiuto di consegnargli 50 euro. Tanto era bastato per innescare la violenza. Arrestato immediatamente, è stato portato nelle camere di sicurezza della caserma in attesa della celebrazione del rito per direttissima.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente