Operazione della GdF: maxi sequestro di 360mila mascherine illegali

Sequestro nelle sedi di diverse società del Nord Italia, collegate a una catena commerciale a livello nazionale.

Operazione della GdF: maxi sequestro di 360mila mascherine illegali
Cronaca 09 Maggio 2020 ore 15:00

Operazione della GdF: maxi sequestro di 360mila mascherine illegali.

Operazione della GdF: maxi sequestro di 360mila mascherine illegali

MILANO – I finanzieri del Comando provinciale di Milano hanno sequestrato nelle sedi di diverse società del Nord Italia, collegate a una catena commerciale a livello nazionale, oltre 360mila mascherine destinate alla vendita come dispositivi medici (mascherine chirurgiche) o dispositivi di protezione individuale, in assenza delle previste certificazioni e, alcune, importate illegalmente.

Messe in vendita contro la normativa

L’attività è stata condotta dalle Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano di Milano che hanno individuato le mascherine messe in vendita contro la normativa. I prodotti scoperti riportavano una marcatura “CE” oppure erano totalmente privi del marchio o di una autorizzazione rilasciata dall’Istituto Superiore di Sanità o dall’INAIL, per avvalersi della deroga prevista per commercializzare i dispositivi medici e di protezione individuale in questo momento di emergenza sanitaria.

Altri dispositivi presso i magazzini doganali

I finanzieri hanno ricostruito tutta la catena di vendita, la distribuzione e l’importazione dei prodotti e hanno dato il via a una serie di perquisizioni anche a Brescia, a Torino e a Novi Ligure, con il supporto dei colleghi di zona. Le perquisizioni in sedi e capannoni hanno consentito di scoprire migliaia di mascherine e, in più, un ingente quantitativo di dispositivi, pari a circa 220mila pezzi, ancora giacente presso i magazzini doganali di Malpensa. Anche questi erano sprovvisti di autorizzazioni per la messa in commercio e in dogana era stata presentata una falsa attestazione di destinazione, in modo da ottenerne lo svincolo.

Timbri di pubbliche amministrazioni, banche e professionisti

L’azienda importatrice ha infatti dichiarato che i dispositivi erano destinati alla protezione dei dipendenti e dei clienti di una società di pubblica utilità. Inoltre, presso i magazzini di una delle società perquisite, sono stati trovati e sequestrati diversi timbri di pubbliche amministrazioni, istituti di credito e professionisti operanti del settore sanitario. Per tutte le violazioni riscontrate, sei persone, responsabili delle società coinvolte, sono state denunciate.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste