Giornale dei Navigli > Cronaca > Ondata di vandalismo a Locate. Il sindaco: Tolleranza zero per gli incivili
Cronaca Rozzano -

Ondata di vandalismo a Locate. Il sindaco: Tolleranza zero per gli incivili

Troppi gli atti incivili che mettono in ginocchio il territorio, “volti a indebolire i valori della legalità e del senso civico”, commenta il sindaco Davide Serranò che ha deciso di usare il pugno duro.

vandalismo

Ondata di vandalismo a Locate. Il sindaco: Tolleranza zero per gli incivili.

Ondata di vandalismo a Locate. Il sindaco: Tolleranza zero per gli incivili

LOCATE DI TRIULZI – Ragazzini che devastano le pensiline e scrivono sui muri della stazione. Altri, più grandi, si fermano al parco della Pace con la macchina, stereo a tutto volume e baccano che dura fino alle prime luci dell’alba. E ancora, calci, pugni, sprangate a panchine, muri, cancelli, cestini. Segnali stradali presi di mira e rifiuti lasciati in giro dopo serate passate dietro la biblioteca a urlare.

Un’ondata di vandalismo a Locate che preoccupa

Troppi gli atti incivili che mettono in ginocchio il territorio, comportamenti “volti a indebolire i valori della legalità e del senso civico”, commenta il sindaco Davide Serranò che ha deciso di usare il pugno duro contro chi “mina la tranquillità della città e ne deturpa la bellezza”. Le immagini della videosorveglianza “immortalano una crescente spirale di violenza che vede protagonisti minorenni – dice l’Amministrazione –. A chi ha commesso e orchestrato tali vigliaccherie vogliamo far arrivare un messaggio forte e chiaro: non ci lasciamo intimidire. Continueremo a portare avanti il nostro obiettivo di costruzione e diffusione della cultura del rispetto del bene comune”.

Prevenzione e repressione

Questa la tattica che il Comune vuole mettere in pratica. “Individuare e punire i responsabili è diventata una priorità assoluta”, assicurano dall’Amministrazione. La prevenzione passa dalle scuole, attraverso progetti di educazione civica che “da tre anni proponiamo”. In più. “sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza, tramite incontri tematici e il coinvolgimento attivo del volontariato e repressione senza sconti con il supporto dei carabinieri. Sono questi i tre imperativi su cui ci concentriamo. La strada è lunga – ammette Serranò – ma il nostro scopo è quello di percorrerla in modo inequivocabile, con la convinzione che la virtuosità dei più possa avere la meglio sulla meschinità dei pochi”.

Francesca Grillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente