cattivi odori

Odore di concime nel Sud Milano, il M5S chiede un accesso agli atti ad Arpa e Ats

La richiesta dei consiglieri Di Marco e Mammì in Regione per "capire l'origine e l'eventuale pericolosità degli odori molesti".

Odore di concime nel Sud Milano, il M5S chiede un accesso agli atti ad Arpa e Ats
Cronaca Corsico, 26 Febbraio 2021 ore 11:42

Odore di concime nel Sud Milano, il M5S chiede un accesso agli atti ad Arpa e Ats.

Odore di concime nel Sud Milano, il M5S chiede un accesso agli atti ad Arpa e Ats

CORSICO – Finisce in Regione la questione degli odori molesti che si sentono tra Corsico e Buccinasco, arrivando fino ad Assago e in altri comuni del Sud Milano.

La richiesta in Regione

“Il M5S Lombardia ha predisposto un accesso agli atti rivolto ad Arpa  e all’Ats per capire origine ed eventuale pericolosità degli odori molesti segnalati in un’ampia fascia del territorio – dichiarano i consiglieri del Movimento Cinque Stelle Nicola Di Marco e Gregorio Mammì –.

"Individuare al più presto la fonte delle emissioni"

Sono diverse e numerose le segnalazioni legate ad odori nauseabondi e molesti nell’area del sud Milano. Coprono un’area molto vasta tra i comuni di Corsico, Assago, fino a San Donato. Condividiamo la preoccupazione dei cittadini: la fonte delle emissioni moleste va individuata al più presto e va chiarita l’eventuale loro pericolosità.

"In ogni caso il disagio deve interrompersi”

Proprio per questo abbiamo predisposto e depositato un accesso agli atti ad Arpa e ad Ats perché facciano le opportune verifiche e per capire quali azioni  sono state fin qui adottate per controllare e prevenire le emissioni odorigene. In ogni caso il disagio deve interrompersi”.

Sulla vicenda era intervenuto anche il Comune di Corsico

Sulla questione era intervenuto anche il Comune di Corsico: l’assessore all’Ambiente Chiara Silvestrini ha verificato le ragioni dell’intenso odore di concime con l’agronomo del Parco Agricolo Sud Milano.

La spiegazione dell’agronomo del Parco Agricolo Sud Milano

“Mi ha riferito – sottolinea Silvestrini – che questo è il periodo per lo spargimento dei liquami, in preparazione della semina primaverile dei campi. Non è un’attività che sta svolgendo direttamente l’istituzione che tutela il parco Sud. L’odore, comunque, dovrebbe attenuarsi nei prossimi giorni. Altrimenti si interverrà affinché le autorità preposte eseguano dei controlli mirati”.